Notiziario mensile del
Circolo Scacchistico Genovese L. Centurini
Numero 172 Luglio-Agosto 2011 - Anno XVI
http://www.centurini.it

Successo di Flavio Guido in Carinzia; Acqui, semifinale del campionato italiano: eccellente Formento; GP luglio: Manfredi vince, Cantoro lo insidia; CIS 1976: il secondo posto del Centurini, di Mauro Berni; 1953: l'incontro Savona-Berlino, di Mauro Berni; Memorial Oddone; Condino: Stoppa ci prova fino all'ultimo.



FLAVIO GUIDO PRIMO ALL'OPEN INTERNAZIONALE DI ST. VEIT IN AUSTRIA

Flavio Guido

Una bella notizia per lo scacchismo italiano e genovese: il maestro internazionale Flavio Guido ha vinto la trentesima edizione dell'Open internazionale di Veit che si è svolto dal 9 al 16 luglio. Vi hanno partecipato 132 giocatori, di cui 41 nel torneo principale, nel quale partecipavano 2 maestri internazionali, 4 maestri Fide e 1 maestro internazionale femminile. Paesi rappresentati Austria, Bosnia, Germania, Ungheria, Italia, Slovenia.

La città di St. Veit è un'antica cittadina feudale della Carinzia, dove in passato soggiornavano re ed imperatori, oggi vi si incontrano famiglie ed appassionati della cultura austriaca. E ogni anno si svolge anche il tradizionale open internazionale di scacchi.

Flavio, che era anche il numero uno di tabellone, è apparso subito in forma, al quinto turno balzava al comando con 4,5, dopo avere battuto fra gli altri i due MF sloveni Anton e Niko Praznic, per poi amministrare il vantaggio nella seconda parte della gara sugli immediati inseguitori, il più quotato dei quali era il maestro internazionale ungherese Attila Kiss. Kiss tentava l'assalto nel decisivo scontro finale, ma veniva fermato sulla patta da Flavio, che terminava, solitario e imbattuto, a 7 su 9, andando così a iscrivere il suo nome nell'albo d'oro del torneo.

Pos

 

Nome

FED

Elo

EloN

Pts.

Cls1

1 IM Guido Flavio ITA 2401 2401 7.0 49.5
2 IM Kiss Attila HUN 2371 2351 6.5 49.0
3 FM Schnider Gert AUT 2375 2341 6.0 48.5
4   Wertjanz David AUT 2234 2194 6.0 48.0
5 FM Hartl Daniel AUT 2295 2275 6.0 46.0

Risultati: http://chess-results.com/tnr52190.aspx





LA SEMIFINALE DEL 71° CAMPIONATO ITALIANO ASSOLUTO

ECCELLENTE IL GIOVANE IMPERIESE PAOLO FORMENTO

Un momento di relax per Denis Rombaldoni

Un momento di relax anche per gli arbitri

Il MI pesarese di 22 anni Denis Rombaldoni per il secondo anno consecutivo ha vinto la semifinale del campionato italiano che si è svolta ad Acqui Terme (AL) dal 17 al 24 luglio. Hanno partecipato 42 giocatori.
Alla finale che si giocherà a Perugia risultano ammessi i primi cinque classificati del torneo: 1° Rombaldoni Denis 7/9, 2°-5°) Roberto Mogranzini, Daniyyl Dvirnyy, Axel Rombaldoni e Guido Caprio tutti con 6,5/9. Tagliati fuori alcuni favoriti della vigilia come Elena Sedina, Daniele Genocchio, Pierluigi Piscopo, Fabio Bruno.

Ha destato un'ottima impressione la performance di Caprio, diciassettenne MF di Latina, numero 11, che ha soffiato l'ultimo posto disponibile per la finale a svariati maestri internazionali, perdendo solo con Denis Rombaldoni.

Per la Liguria un eccellente risultato viene dal quindicenne imperiese Paolo Formento (Elo 2024, n° 38 di tabellone), giunto 14° a 5 punti con una performance di 2310. Ha ottenuto la norma necessaria per conseguire il titolo di maestro di scacchi.

Paolo Formento concentrato ad Acqui

I prossimi tornei lo vedranno impegnato a Montecatini Terme (PT), Bratto (BG), e naturalmente ad Imperia per il 53° Festival Internazionale Scacchistico che si terrà al Palazzetto dello Sport dal 4 all'11 settembre.

Nel torneo è andato bene anche il savonese Gioseffi, 18° a 5 punti. Non è stato il torneo di Di Paolo, 21 ° a 4,5.

Dunque i giocatori finalisti del prossimo CIA 2011 dovrebbero essere: Caruana (CIA 2010), D'Amore (CIA 2010), Garcia Palermo (CIA 2010), Vocaturo (Elo), Godena (Elo), Brunello (Elo), Rombaldoni D. (semifinale), Rombaldoni A. (semifinale), Dvirnyy (semifinale), Mogranzini (semifinale), Caprio (semifinale) e il campione under 20.

Ad Acqui, in parallelo all'evento clou, si sono svolti i campionati italiani di categoria, con 126 partecipanti in tutto.

Nel torneo CM (35 giocatori) il titolo è andato al diciannovenne romano Luca Albertini (6,5/8), davanti a Baldizzone e Mastroddi. Nelle prime posizioni in luce due genovesi: Mauro Berni giunto 5° a 5,5 punti ha terminato imbattuto con 5 patte e 3 vittorie (qualcuno deve avere capito cosa può costare rifiutare la patta a Mauro...), Andrea Carosso buon 7° a 5 punti. I due hanno così conquistato l'ammissione a disputare la semifinale il prossimo anno.
Fra gli altri in gara, 27° Altieri a 3 punti e 30° Roversi a 2,5.

Nel torneo di 1 Naz. su un lotto di 24 partecipanti il titolo è andato a Samuele Bisi (16 anni, cuneese) 6,5/8, seguito da Marco Barbero 6/8 e Stefano Ganci 5,5/8. Giancarlo Badano 6° a 4,5, dopo essere partito a razzo rallentava nel finale. Fra i genovesi, Luciano Guglielmone buon 16° a 3,5, Marcello Schiappacasse 18° a 3 punti, Gianluca Virgilio 19° a 3 punti.

Nel torneo di 2 Naz. successo indiscusso di Walter Bosca (52 anni, astigiano) con 7/8. Secondi e terzi con 5,5/8 sono rispettivamente Alessandro Adami e Paolo Drago. Buon settimo posto di Davide Cusato a 5 punti. Sordini 22° a 3 punti. 23 giocatori.

Nel torneo di 3 Naz. vittoria di Massimo Neri (51 anni, di Alessandria) con 7/8. Ottimo secondo Francesco Simoncini con 6,5/8.

Nel torneo NC 25 giocatori. Successo di Angelo Benazzo (AL) con 7/8, seguito da Maria Albanesi 6/8 e dalla coppia composta da Simone Fucilli e Daniel Bozzo, con 5,5/8.

La terna arbitrale era composta dall'arbitro internazionale Sergio Pagano, dall'arbitro Fide Sergio Nanni e dal candidato arbitro nazionale Dante Mastrostefano.

Sito ufficiale: www.clubscacchisti.it/club/raduni/acquiterme/acqui02/campionati.htm





MANFREDI VINCE, MA CANTORO LO INSIDIA

Vincenzo Manfredi

Il Grand Prix di luglio, una competizione che ogni mese si arricchisce sempre di nuove qualificate presenze, vede la vittoria, sabato 30, del maestro Vincenzo Manfredi, che termina a 6 su 7, esattamente come Daniele Cantoro. Daniele, battuto al terzo turno da Manfredi, lo rincorre per i restanti turni inanellando quattro vittorie consecutive. Lo raggiunge al termine, quando Vincenzo patta l'ultima con Cusato, ma non può superarlo allo spareggio tecnico. Al terzo posto il MF di Chiavari Marco Piccardo a 5 punti. Nelle prime posizioni, a 4,5, si distinguono Nicola Maiori, Giuseppe Pugliese e Davide Cusato.

La tradizionale gara semilampo del Circolo continua anche nel mese di agosto. Prossimo appuntamento sabato 27 agosto.

LUGLIO

Classifica dopo Turno 7 - 30/07/2011

Pos Nome                Cat.   Punti  Bhlz   SBrg
  1 Manfredi Vincenzo    M      6,0   31,5  27,00
  2 Cantoro Daniele      1N     6,0   29,5  23,50
  3 Piccardo Marco       MF     5,0   30,5  18,50
  4 Maiori Nicola        CM     4,5   28,0  16,25
  5 Pugliese Giuseppe    1N     4,5   25,0  14,50
  6 Cusato Davide        2N     4,5   24,5  13,00
  7 Berni Mauro          CM     4,0   31,5  14,50
  8 Mirata Danilo        1N     4,0   28,5  15,00
  9 Restifo Katiuscia    1N     4,0   27,0  12,00
 10 Tripi Nicolò         NC     4,0   26,5  12,50
 11 Nicolis Claudio      1N     3,5   24,5   8,25
 12 Sabba Giorgio        1N     3,5   24,0  11,25
 13 Jovanovic Goran      2N     3,5   21,0   6,75
 14 Gardini Enrico       1N     3,0   27,5   8,50
 15 Caputi Giuliano      CM     3,0   23,0   4,50
 16 Badino Luciano       NC     3,0   20,5   5,50
 17 Faggiani Marco       1N     3,0   20,0   4,50
 18 Conti Marco          2N     3,0   16,0   3,00
 19 Corte Nicola         NC     2,0   23,5   6,50
 20 Picasso Filippo      2N     1,5   18,5   1,25
 21 Picasso Marco        NC     1,0   17,5   0,50
 22 Marchesi Uberto      NC     0,5   20,5   0,75




CAMPIONATO A SQUADRE 1976:
QUANDO IL CENTURINI ARRIVÒ SECONDO

di Mauro Berni

Il 16° Campionato Italiano a Squadre si svolge a Venezia, dal 31 ottobre al 4 novembre 1976. Per la prima volta i punti-squadra hanno la precedenza, nella formulazione della classifica, sulla somma dei punti individuali. La novità, pur positiva, è accolta con qualche distinguo.
Scrive ad esempio Capece, nella sua cronaca sull'Italia Scacchistica, riferendosi al nuovo computo:
...Se appare più giusto da un punto di vista di squadra, toglie però accanimento alle partite, specie a risultato acquisito. Ciò nonostante evita molte delle “ingiustizie” verificatesi in passato.

Questa la classifica del torneo:

Banco di Roma 4½ - 16 (Mariotti, Zichichi, Passerotti, Valenti, Coppini, Zagallo)

Centurini 4½ - 15½ (Cosulich, Scafarelli, Grassi, Cangiotti)

Bolognese 4½ - 13½ (Cappello R., Palmiotto, Sartori P., Zurla)

Torinese 4 - 13 (Fabbri, Negro, Bacchelli, Manzardo, Ponzetto P. e G.)

Triestina 3 - 11½

Inps Bari 3 - 11½

Patavino 2½ - 11½

Milanese 2 - 10½

Salvioli Venezia 1½ - 10½

10° Comunali La Spezia ½ - 6½

Se la vittoria del favoritissimo Banco di Roma, fermato tre volte sul pareggio, è più faticosa del previsto, la pregevole conquista del secondo posto, a solo mezzo punto individuale, del Centurini non può dare adito a troppe recriminazioni. Manca infatti l'incontro diretto Centurini-Bolognese e la squadra genovese, tra i tre ex-aequo, è l'unica a incontrare le due ultime classificate.
La lettura incrociata delle cronache apparse sulle due riviste italiane (L'Italia Scacchistica, 11/1976, pp. 405-408 e Scacco!, 12/1976, pp. 355-356) e di un articolo di cui diremo oltre consente di scrivere qualcosa di più sul torneo del Centurini.
Dopo uno scivolone iniziale con Torino, i genovesi infilano quattro vittorie con Venezia, Bari e poi Trieste e La Spezia negli ultimi due turni, inframmezzate dal prestigioso pareggio al terzo turno con il Banco di Roma.
Grassi conclude a 2 punti, mentre Scacco! rileva l'ottimo 5 su 6 di Cangiotti; quindi i restanti otto punti e mezzo dovrebbero essere divisi piuttosto equamente (4 ½ e 4) tra Cosulich e Scafarelli; non è possibile, dati alla mano, essere più precisi.
Sono disponibili alcune partite dei giocatori del Centurini: Cangiotti-Attorre, a corredo degli articoli citati; Pace A. - Scafarelli, su Scacco!, ma anche con brevi commenti del vincitore in Scafarelli, le mie 50 Siciliane, pp. 45-46.
Rupeni-Grassi, su Scacco!, con uno dei rari commenti di pugno del maestro recentemente scomparso.

Qui pubblichiamo invece la più difficilmente reperibile Grassi-Lamberti, Centurini-La Spezia, 6° turno, 4/11/1976, apparsa nella rubrica tenuta da Tatai su Epoca del 5/1/1977.
Scrive il maestro internazionale romano, del quale sono anche le note:
Il maestro Mario Grassi, terza scacchiera, ha cominciato piuttosto male perdendo quattro incontri, ma nelle ultime partite ha recuperato la sua forma migliore e ha conquistato due punti preziosi per la propria squadra. Poiché il distacco tra il Banco di Roma e il Centurini è stato alla fine di solo mezzo punto, sorge la domanda. Che cosa sarebbe successo se Grassi fosse stato in forma sin dalla prima partita?

Grassi - Lamberti [B07]
CIS 1976, Venezia, 1976
[Tatai]
1.e4 g6 2.d4 Ag7 3.Cc3 d6 4.Ae3 Scopo di questa mossa è principalmente quello di prevenire il controgioco nel centro con c7-c5 4...Cf6 Più elastica sarebbe stata la continuazione con 4...c6 o anche con 4...a6, rimanendo fedeli alle caratteristiche della difesa moderna. Così, invece, la partita assume l'andamento di una comune difesa Pirc. 5.Ae2 Impedisce il salto del cavallo in g4 5...0-0? Un errore. Più prudente sarebbe stato 5...c6 6.h4! e5 Correttamente il nero cerca di reagire all'attacco del bianco nel centro, ma la sua azione non regge il passo con quella del bianco. Che peccato che non si possa giocare c7-c5! 7.d5 c6 8.h5 Da5 9.Dd2 Poco accorto sarebbe stato 9.hxg6 a causa di Cxe4 e la controffensiva del nero nel centro toglie forza all'attacco del bianco 9...cxd5 10.hxg6 fxg6 11.Ah6 Axh6 12.Dxh6 Ae6 13.Cf3 Dc7 [13...d4 14.Cg5 dxc3 15.b4! Dxb4 16.Cxh7!] 14.Cg5 Te8 15.Cb5 Dd7 16.0-0-0 completando lo sviluppo 16...Ca6 17.Cxd6! Dxd6 [17...Te7 18.Cc4! lascia il nero in una posizione disperata] 18.Cxh7 Rf7 [18...Cxh7 19.Dxg6+ Rf8 20.Txh7 e vince] 19.Cg5+ Re7 20.Dg7+ Rd8 21.Dxf6+ Rc7 22.Th7+ Rb6 23.Txd5 1-0.





1953: quando Savona incontrò Berlino
di Mauro Berni

Il circolo berlinese Eckbauer Schachklub 1827 intraprende il 14 maggio 1953 una faticosa tournée che porta i suoi giocatori a disputare quattordici incontri, tutti su otto scacchiere, in diciotto giorni tra Germania, Spagna, Francia, Italia e Austria, con un buon esito generale (+8 =2 -4). L'unica tappa italiana registra il 27 maggio la vittoria dei tedeschi su Savona per 5-3.

I contatti presi in questa occasione non rimangono isolati, poiché nel 1957 lo stesso circolo disputa un quadrangolare a Varazze, cui partecipano anche Milano e Nizza, per il quale rimando alla nota storica di Vittorio Piccardo sul sito della Società Scacchistica Savonese.

Sulla rivista “Deutsche Shachzeitung”, luglio 1953, pp. 254-255, sono pubblicate due vittoriose partite d'attacco dei berlinesi Alfred Seppelt, in seguito dirigente ai massimi livelli dello scacchismo tedesco, su Cantoni e Heinz Lehmann, poi maestro internazionale notissimo anche in Italia, su Romi. Riporto la seconda, con una sintesi delle note del vincitore. Nel breve articolo introduttivo non manca il riferimento di rito a “Chianti, Spaghetti und Cinzano”.

Lehmann - Romi [B11]
Ecb. Berlino-Savona, 1953
[Lehmann]
1.e4 c6 2.Cc3 d5 3.Df3 dxe4 4.Cxe4 Cd7 5.d4 Cgf6 6.Ad3 Cxe4 7.Dxe4 Cf6 8.Dh4 [8.De5 g6 e poi ...Ag7; 8.Df4 Cd5 con buon gioco per il nero] 8...Af5 9.Axf5 Da5+ 10.c3 Dxf5 11.Ce2 e6 [11...Db5] 12.0-0 Ad6 [12...Ae7] 13.Cg3 Dg6 14.Ag5 0-0-0 15.f4 h6 16.Axf6 gxf6 17.f5! Axg3 18.hxg3 exf5 19.Tae1 Tde8 20.Df4 Te6 21.c4 The8 22.Td1 Te2 [22...Te4] 23.d5! T8e5 24.dxc6 bxc6 25.Dd4 Te7 26.Dd8+ Rb7 27.Tf3 T7e3 [27...T2e3 28.Td7+ Ra6 29.Txe7 Txf3 30.Dc8+] 28.Td7+ Ra6 29.Dc8+ Ra5 30.Txa7+ Rb4 31.Tb7+ Rc5 32.Df8+ Rxc4 33.Db4+ Rd3 34.Dc3+ Re4 35.Tf4+ Rd5 36.Td7+ 36...Re6 37Dxc6+ Re5 Dd6# 1-0





MEMORIAL ODDONE: STOPPA VINCE

Domenica 17 luglio 2011 si è tenuto il 7° Torneo Semilampo Memorial Carletto Oddone presso il Circolo Scacchistico Imperiese. Hanno partecipato 35 giocatori.

Nell'Open A ha vinto il Maestro imperiese Omar Stoppa con punti 6,5 su 7. Secondo classificato Danilo Pellizzola, terzo classificato Giovanni Ballestra. Brillante il nostro Massimo Menichini, giunto sesto.

Nell'Open B (giovanile) vittoria di Nicolò De Luca con punti 7 su 7. Secondo classificato Amerigo Novaro, terzo classificato Gualtiero Faggionato.

Premi speciali: Massimo Menichini 1° Elo tra 1600 e 1899; Cristian Benvenuti 1° Elo < 1600.





CONDINO: STOPPA CI CREDE FINO ALL'ULTIMO

L'undicesimo torneo di Condino (25-30 luglio) è stato vinto dal MI spagnolo Luis Ignacio Mejia, con 5,5 su 7. Bella prestazione del maestro imperiese Omar Stoppa che è giunto secondo (5 punti). Decisivo l'ultimo turno quando, al comando in quel momento, ha affrontato in una dura lotta il MI spagnolo, che ha avuto la meglio. A seguire in classifica Qendro, Rotstein e De Santis (anche loro a 5). Quaranta i giocatori in gara. Al nono posto da segnalare Dario Brun.