Notiziario mensile del
Circolo Scacchistico Genovese L. Centurini
Numero 144 Gennaio 2009 - Anno XIV
http://www.centurini.it

A febbraio parte il campionato a squadre; Ancona: quinta norma per Flavio Guido; Grand Prix 2008: la conferma di re Flavio; Santa Margherita: passa Ljubisavljevic; Gioseffi campione provinciale di Savona; le decisioni del Comitato regionale; altri tornei in Liguria; la morale degli scacchi (Franklin).


LE FORMAZIONI DEL CENTURINI NEL PROSSIMO CAMPIONATO A SQUADRE

L'8 febbraio inizia il campionato italiano a squadre a tavolino. Le squadre del Circolo sono tre, in serie A2, B e Promozione. Pubblichiamo la lista dei giocatori su http://www.centurini.it/cis.htm

Centurini in gara anche nell'XI campionato italiano a squadre per corrispondenza, dove la squadra del Circolo difende il titolo italiano. Difficile fare pronostici, in tutti e quattro i tornei le squadre appaiono equilibrate a garanzia di un campionato che, in tutte le serie, sarà, secondo noi, interessante e incerto fino all'ultima giornata.

In serie A2 la squadra capitanata da Fazzuoli affronterà al primo turno la trasferta contro la Lucchese, squadra che schiera nelle prime scacchiere Evangelisti, Paolinelli e Luigi Del Dotto. Nel girone, l'altra formazione di Lucca (la “fattoria degli animali”) si misura in casa con Sarzana Torre. Riposa la compagine savonese (De Florio, Gioseffi, Collareta e Berni). Confermati tutti i giocatori del Centurini che l'anno scorso sono stati promossi. In prima scacchiera il maestro Dario Brun, in seconda Manfredi, in terza Massa, in quarta Alan Rodriguez.

Alan Rodriguez

In serie B anche il team di Roversi è chiamato a confermare le buone prestazioni degli anni scorsi. All'esordio, trasferta a Savigliano contro i locali, che presentano nelle prime scacchiere Aghayev, Rossi, Ariaudo, Torrione. Gli altri due match: Ruta-Imperia e Nichelino (TO)-Santa Sabina.

In Promozione le dieci squadre partecipanti sono state suddivise in due gironi da cinque (le vincenti promosse in serie C). Sarà Giorgio Sabba il capitano della nostra formazione che al primo turno dovrà vedersela con Ruta B, mentre Santa Sabina giocherà con Genova Scacchi 2.

Nell'altro girone, di ponente, Imperia 4-Imperia 3 e Loanese-Arenzano 2.

Nel torneo ASIGC Emanuelli è capitano della squadra tricolore, composta anche da Dosi, Poli e Bresadola.


Turno 1 Serie A2

Data incontro: 08-02-2009
Squadra in casa Squadra in trasferta
3 - Lucca Animal Factory 4 - Sarzana Torre
2 - Lucchese 5 - Centurini
1 - Savona riposo

Turno 1 Serie B

Data incontro: 08-02-2009
Squadra in casa Squadra in trasferta
2 - Ruta 5 - Imperia
1 - Nichelino 6 - S. Sabina
3 - Savigliano 4 - Centurini

Turno 1 Serie Promozione

Data incontro: 08-02-2009
Squadra in casa Squadra in trasferta
2 - S. Sabina A 5 - Genova Scacchi
3 - Centurini 4 - Ruta
1 - Sammargheritese riposo

11° CIS CORRISPONDENZA

Giocatori:
1a scacchiera
Alberto Dosi
Categoria ASIGC: Senior International Master

2a scacchiera
Giuseppe Poli
Categoria ASIGC: International Master

3a scacchiera
Renato Emanuelli Simoncini (Capitano)
Categoria ASIGC: Senior Master

4a scacchiera
Guido Bresadola
Categoria ASIGC: International Master





FLAVIO GUIDO CHIUDE L'ANNO IN BELLEZZA...

Sabato 27 dicembre ultima puntata annuale del Grand Prix semilampo 2008 al Centurini. E conclude in bellezza Flavio Guido che si aggiudica la gara con 6,5 punti su 7. Inanella sei vittorie di fila e patta l'ultima con Emanuelli, a successo ormai acquisito. Secondo il candidato maestro Paolo Ragni, che ha perso solo dal vincitore e da Maiori. A quattro un drappello composto da Berni, Gardini, Giuseppe Guido, Emanuelli e Sabba.

Alla fine, per tutti auguri di buon anno.

GRAND PRIX DICEMBRE  -  27 DICEMBRE 2008  -  7 TURNI

CLASSIFICA FINALE

Pos Nome                 Cat   Punti  Bhlz   SBgr EloIn

  1 GUIDO Flavio         FM     6,5   28,0   26,0  2382
  2 RAGNI Paolo          CM     5,0   29,5   19,5  2171
  3 BERNI Mauro          CM     4,0   28,0   12,8  2079
  4 GARDINI Enrico       1N     4,0   26,0   10,5  1868
  5 GUIDO Giuseppe       1N     4,0   23,5   11,0  1732
  6 EMANUELLI Renato     M      4,0   23,0    8,8  2255
  7 SABBA Giorgio        1N     4,0   21,5    7,0  1918
  8 MAIORI Nicola        CM     3,5   27,0   11,0  1980
  9 RIVARA Massimo       CM     3,5   22,5    5,8  1845
 10 BADINO Luciano       NC     2,5   20,5    2,8  1440
 11 SCALA Roberto        2N     1,0   22,0    0,0  1526
 12 DORDONI Riccardo     NC     0,0   22,5    0,0  1440

Dopo il risultato di dicembre Flavio Guido sale quindi ancora una volta sul gradino più alto del podio di questa manifestazione a tappe, vincendo per il tredicesimo anno consecutivo; secondo Stoppa e terzo Mollero.

Classifica finale Grand Prix 2008

Guido Flavio         32,5
Stoppa Omar          29,5
Mollero Michele      28
Berni Mauro          24,5
Emanuelli Renato     24,5
Maiori Nicola        23,5
Carosso Andrea       22,5
Badano Giancarlo     21
Gardini Enrico       21
Brun Dario           20 (su 4)

Il Grand Prix semilampo ripartirà l'ultimo sabato di gennaio.





FLAVIO GUIDO CHIUDE L'ANNO IN BELLEZZA...
...MA INIZIA ANCORA MEGLIO IL 2009

ANCONA: VINCE IORDACHESCU, ENNESIMA NORMA PER FLAVIO GUIDO

Il GM moldavo Iordachescu si è aggiudicato la prima edizione del festival “Adriatico-Ionio Mare di pace”, giocata ad Ancona dal 2 al 9 gennaio. Torneo caratterizzato anche dal conseguimento di tre norme di maestro internazionale da parte del MF romano De Santis, del MF filippino Vuelban e del nostro Flavio Guido, che per l'ennesima volta ha centrato l'obiettivo. Il moldavo, con cui Flavio ha pattato, era il favorito della vigilia e ha concluso imbattuto con 6,5 punti su 9.
Guido ha giocato molto bene ed ha terminato la gara senza sconfitte nell'open internazionale.
Nell'Open A successo del MF Gromovs, con 6,5 su 7.
65 i giocatori che hanno partecipato alla manifestazione.
Sito ufficiale: www.asascacchi.it

Open internazionale:
1° Iordachescu 6,5 punti su 9;
2°-3° Drasko, Bruno 6;
4°-7° Skembris, De Santis, Guido, Vuelban 5,5;
8°-12° Bellia, Kizoc, Lazic, Tocchioni, A. Stella 5; ecc.


Tocchioni (2264) - Guido (2382)
[D00]

1.d4 Cf6 2.Cf3 g6 3.Ag5 Ag7 4.Cc3 d5 5.Bxf6 Bxf6 6.e4 c6 7.Dd2 Da5 8.0-0-0 dxe4 9.Cxe4 Dxa2 10.Cxf6+ exf6 11.Te1+ Ae6 12.Db4 b5 13.c4 Ca6 14.Dd6 Da1+ 15.Rc2 Da4+ 16.Rb1 Cb4 17.Txe6+ fxe6 18.Dxe6+ Rd8 19.Dxf6+ Rc7 20.Df4+ Rb6 21.cxb5 Dc2+ 0-1.

Doriano Tocchioni

Guido - Iordachescu
[C55]

1.e4 e5 2.Cf3 Cc6 3.Ac4 Cf6 4.d3 h6 5.0-0 d6 6.Te1 g6 7.d4 De7 8.Cc3 Ag7 9.Cd5 Dd8 10.Ab5 0-0 11.Axc6 bxc6 12.Cxf6+ Dxf6 13.dxe5 dxe5 14.Ad2 Te8 15.Ac3 De7 16.De2 Dc5 17.Tad1 f6 18.Ch4 g5 19.Cf5 Axf5 20.exf5 Tad8 21.De3 Af8 22.Td3 Td5 23.Ted1 Ted8 24.De4 h5 25.h3 Txd3 26.Txd3 Txd3 27.Dxd3 Dd5 28.De2 Dxa2 29.Dxh5 Db1+ 30.Rh2 Dxc2 31.Dg6+ Ag7 32.De8+ Rh7 33.Dg6+ Rg8 34.De8+ 1/2-1/2.

Lazic (2454) - Guido (2382)
[A08]

1.Cf3 Cf6 2.g3 g6 3.Ag2 Ag7 4.0-0 d5 5.d3 0-0 6.c3 c5 7.Da4 h6 8.e4 Cc6 9.Te1 e5 10.Cbd2 d4 11.cxd4 cxd4 12.b4 Cd7 13.b5 Cb6 14.Dd1 Ce7 15.a4 a6 16.Aa3 axb5 17.axb5 Ae6 18.Cb3 Ca4 19.Cbxd4 exd4 20.Axe7 Dxe7 21.Txa4 Dc5 22.e5 Txa4 23.Dxa4 Td8 24.h3 b6 25.Te4 Af5 26.Txd4 Txd4 27.Cxd4 Axd3 28.Da8+ Rh7 29.Cc6 Axb5 30.De8 Axc6 31.Axc6 Dxe5 32.Dxf7 Df6 33.De8 Af8 34.Ad5 h5 35.Df7+ Dxf7 1/2-1/2.





SANTA MARGHERITA: LJUBISAVLJEVIC CONTINUA LA SFIDA CON BRUN E SI AGGIUDICA L'OPEN

Domenica 18 gennaio si è concluso il 14° Open week-end 2009 di Santa Margherita. Si giocava presso l'ADS Sammargheritese in via Dogali. Vittoria al termine del sesto turno di gioco del maestro internazionale serbo Ljubisavljevic che ha totalizzato 5,5 punti su 6. L'anno scorso la vittoria arrise a Dario Brun che quest'anno è giunto secondo, con 5 punti. Sale sul podio al terzo posto il bravo Alberto Mortola, anche lui a 5 punti.

Un'immagine dell'edizione 2008 del torneo

Se la sfida tra Brun e il MI serbo ha caratterizzato anche questa edizione, non sono mancate altre note interessanti, e fra queste il quarto posto di Stefano Roversi (era nel gruppetto di testa al giro di boa) e il sesto di Claudio Pedemonte.

Roversi, re per (almeno) una settimana...

Buono complessivamente il bilancio del Centurini, che piazza quattro uomini nei primi sette posti in classifica (oltre ai citati Brun e Roversi, Rodriguez è quinto e Caputi settimo). Buona l'organizzazione di Pietro Grassi, ha arbitrato Sergio Nanni.

Classifica finale

Pos    Pts  ID   Ctg   NOME                Rtg     Fed  Buc1   ARO      Mwns

 1     5.5  2    IM    LJUBISLAVJEVIC Zi   2266    SRB  17.5  1892.7    5.0
 2     5.0  1    -M    BRUN Dario          2281    GE   21.0  1953.2    5.0
 3     5.0  5    1N    MORTOLA Alberto     1957    GE   16.0  1744.0    5.0
 4     4.0  15   CM    ROVERSI Stefano     1850    GE   20.0  1916.5    4.0
 5     4.0  3    CM    RODRIGUEZ Alan      2122    GE   19.0  1905.8    4.0
 6     4.0  17   CM    PEDEMONTE Claudio   1829    GE   17.0  1923.7    4.0
 7     4.0  4    CM    CAPUTI Giuliano     1971    GE   17.0  1915.8    4.0
 8     3.5  13   1N    CAVATORTA Ivan      1857    GE   20.0  1854.2    3.0
 9     3.5  30   3N    MORTOLA Francesco   1491    GE   18.5  1847.7    2.0
10     3.5  14   CM    DIENA Giovanni      1855    GE   16.5  1676.5    2.0
11     3.5  6    1N    BOZZO Alberto       1946    GE   16.0  1772.8    3.0
12     3.5  16   1N    SAFFIOTI Massimo    1850    GE   15.5  1736.5    3.0
13     3.5  19   1N    ANTONELLI Cristian  1784    GE   15.5  1676.6    3.0

seguono altri 21 giocatori





Un'immagine della recente assemblea annuale, svoltasi il 10 gennaio al Circolo:
Rivara e il vicepresidente Gardini





GIOSEFFI CAMPIONE DI SAVONA

Nella sede della Società Scacchistica Savonese, presso la SMS "Fratellanza Leginese", non esente da alcune difficoltà organizzative peraltro brillantemente superate da uno staff ormai collaudatissimo, nella serata di domenica 25 gennaio 2009 si è concluso il Campionato della Provincia di Savona. Torneo open integrale articolato in cinque turni di gioco a sistema italo/svizzero.
Ventitré partecipanti, alcuni provenienti da altre province: Torino, Milano, Genova e Imperia, hanno dato vita a una competizione che ha avuto forse il suo momento di maggiore "suspence" nel quarto turno disputato domenica mattina, quando uno scatenato Fabrizio Ivaldo ha avuto alla sua mercé il CM Massimiliano Gioseffi, favorito della vigilia. La partita fra la 1N Ivaldo e il CM Gioseffi, una Difesa Francese, Variante del Cambio [C01] ha offerto momenti emozionanti e un finale a sorpresa. La combinazione vincente mancata dal buon Fabrizio ha lasciato l'amaro in bocca a parecchi buongustai. A tale proposito sembra onesto osservare quanto sia più agevole vedere le cose dalla finestra che dal centro della mischia.
Con questo non si intende menomamente sminuire il merito di Massimiliano: sempre calmo, avveduto e tecnicamente preparato. Un processo di maturazione lento e costante che lo ha portato a essere uno degli elementi di spicco del nostro Circolo. Primo classificato dunque con punti 4 1/2 su 5 CM Massimiliano Gioseffi - Campione Provinciale di Savona 2009. Sub-Campeon, come si usa dire in Spagna il CM Claudio Pedemonte del Circolo Merlino di Sestri Ponente con p.ti 4: un ottimo torneo il suo! A p.ti 3 1/2 terzi a pari merito il CM Paolo Tedeschi (partita perduta all'ultimo turno con il vincitore del torneo), la 1N Tihiomir Nikolajevich e la 1N Fabio Badano. Lo spareggio tecnico (Buholz) ha stabilito 3° class. Tedeschi, 4° Nikolajevich, 5° Badano.
Menzione onorevole per la 1N Fabrizio Ivaldo vero e proprio "deus ex machina" dell'alta classifica: anche Badano non ha da dolersi di aver giocato con lui all'ultimo turno.

da http://scacchisavona.altervista.org/

Classifica Finale

Pos Pts  ID   T  NOME                   Rtg   PRtg   Buc1    BucT   BucM

 1  4.5   1  CM  GIOSEFFI Massimilian   2131  2287  13.00   16.00   9.50
 2  4.0   9  CM  PEDEMONTE Claudio      1829  2108  11.50   13.00   8.00
 3  3.5   2  CM  TEDESCHI Paolo         2118  2073  14.50   17.00  10.00
 4  3.5  10  1N  NIKOLAJEVICH Tihiomi   1822  1960  12.00   13.00   7.50
 5  3.5  11  1N  BADANO Fabio           1819  1867  10.50   11.50   7.50
 6  3.0   5  CM  MERCANDELLI Claudio    1932  1929  13.50   15.50   9.50
 7  3.0   6  1N  IVALDO Fabrizio        1907  1918  12.50   13.50   8.00
 8  3.0  12  1N  ATTEO Domenico         1806  1854  11.50   13.00   7.00
 9  3.0   3  CM  DAMELE Stefano         1986  1738  10.50   12.00   6.50
10  2.5   4  CM  CARZOLIO Luigi (W)     1955  2053  14.50   16.50  10.00
11  2.5  13  2N  RESTIFO Katiuscia      1774  1774  12.00   13.00   8.50
12  2.5   7  1N  BIANCOTTI Alessandro   1866  1725  11.50   12.50   8.00
13  2.5  16  1N  AGAZZI Marco           1753  1790   9.50   10.50   6.50
14  2.5  18  2N  PESCE Leandro          1733  1792   9.00   10.00   6.00
15  2.0  14  2N  COTUGNO Michele        1766  1793  12.50   14.00   8.50
16  2.0  17  1N  BRUZZONE Carlo         1735  1687  11.00   12.00   7.50
17  2.0  22  NC  CASTELLANO Adriano     1446  1710  10.50   11.50   7.00
18  1.5   8  1N  SANTANDREA Marco       1845  1523   8.50    9.50   6.00
19  1.0  20  2N  CHRISTEN Peter Wa(W)   1538  1584  11.50   12.50   7.50
20  1.0  19  2N  FASSI Filippo          1681  1562  10.50   12.00   7.50
21  1.0  21  2N  SPIRITO Luca           1487  1355   9.50   10.50   6.00
22  1.0  23  NC  POGGI Franco           1416   991   9.00   10.00   5.50
23  0.0  15  1N  MONTANI Riccardo (W)   1764  1220   9.00   11.00   6.00




LE ULTIME DECISIONI DEL COMITATO REGIONALE LIGURIA

Il giorno 16 gennaio 2009, alle ore 21 presso la sede del Circolo Scacchi Sammargheritese ASD in Santa Margherita Ligure, sono presenti il Presidente del CRLS Fabrizio Ivaldo, il Vicepresidente Pietro Grassi, il Segretario del CRLS Francesco D'Alessandro e i consiglieri Massimo Rivara e Cesare Valentini; assente Christian Abbondanza. Sono inoltre presenti il consigliere nazionale FSI Emilio Bellatalla e il sig. Maurizio Accardo quale invitato.
Presiede la riunione il presidente del CRLS Ivaldo, verbalizzante Valentini.
Si passa alla discussione dei punti all'Ordine del Giorno:

1. Lettura e approvazione verbale seduta precedente
Il verbale 2008/4 della riunione svoltasi il 18/9/2008, già pubblicato sul sito internet del Comitato, viene approvato all'unanimità senza osservazioni.

2. Ratifica provvedimenti del Presidente
Si ratifica il provvedimento che ha stabilito che il campionato provinciale di Savona si terrà in data 23-25 gennaio presso la sede della Società Scacchistica Savonese.

3. Consuntivo 2008 e preventivo 2009
Viene illustrato e poi approvato all'unanimità il rendiconto finanziario della gestione 2008, con un attivo di esercizio di 453,10 euro. In relazione al preventivo di spesa per il 2009, che prevede un bilancio a pareggio di 4172,43 euro, che viene parimenti approvato all'unanimità, si indicano due principali linee di sviluppo: 1) il sostegno alle principali manifestazioni; 2) l'investimento nel settore giovanile (scuola, stages, partecipazione alle finali nazionali).
Il Comitato si riserva di richiedere ai competenti organi FSI di poter attingere al fondo di riserva per specifici progetti su queste due linee.

4. Formazioni gironi campionato di promozione e sorteggio turni
Il presidente informa che in data 14 gennaio è giunta dal circolo di Sarzana la richiesta di poter iscrivere una squadra alla serie Promozione. Il Comitato, sia pure a malincuore, delibera che la richiesta non può essere accolta perché giunta oltre i termini previsti.
Si delibera pertanto di ammettere al campionato le dieci squadre regolarmente iscritte e di formare due gironi, secondo criteri geografici di viciniorità, stabilendo che la prima di ogni girone sarà promossa in serie C e confermando il regolamento dell'anno precedente.
Si passa quindi al sorteggio dei calendari per i due gironi, che dà il seguente esito:
Girone Ponente: 1. Savona B; 2. Imperia 3; 3. Loano; 4. Arenzano 2; 5. Imperia 3
Girone Levante: 1. Sammargheritese A; 2.Santa Sabina A; 3. Centurini C; 4. Ruta B; 5. Genova scacchi 2
Per entrambi i gironi è stabilito il seguente calendario: 8/2/2009: 2-5, 3-4 riposa 1; 22/2/2009: 5-3, 1-2 riposa 4; 8/3/2009: 3-1, 4-5, riposa 2; 22/3/2009: 1-4, 2-3, riposa 5; 5/4/2009: 4-2, 5-1 riposa 3.

5. Campionati regionali assoluto e giovanile
Si stabilisce che il campionato regionale assoluto si terrà a Savona il 24-26 aprile o il 1-3 maggio, mentre il regionale under 16 a Imperia nella prima metà di maggio; il presidente è incaricato di contattare il CS Imperiese per definire la data.
Sono anche assegnati i campionati provinciali giovanili di Imperia a fine gennaio e di Genova a Sestri Ponente, con probabile data 15 marzo.

6. Proposta sig. Accardo per attività giovanile
Su invito del Comitato, Maurizio Accardo illustra i primi passi di un progetto "Scacchi a scuola in Liguria". Il Comitato esprime interesse e incoraggiamento, invitando Accardo a dettagliare il progetto, suggerendo di predisporre corsi di avviamento di 10 ore, corsi per insegnanti e coinvolgimento di scuole di tutte le province liguri. Il Presidente si propone per accompagnare Accardo ad un incontro presso la Regione Liguria per verificare la possibilità di un contributo.

7. Varie e eventuali
Il Presidente informa che da Imperia si è espresso interesse per organizzare un corso per Istruttori Giovanili. Il Presidente invierà un modello per tale corso perché emerga la potenziale adesione a questa proposta.
Si ricorda che questa è l'ultima riunione del Comitato uscente, prima delle nuove elezioni durante l'Assemblea del 7 febbraio: il Presidente esprime a tutti i consiglieri e al segretario del CRLS un sentito ringraziamento per l'attività svolta e l'opera prestata in questo quadriennio.

Non essendoci altri argomenti da discutere, alle ore 23.15 la riunione viene dichiarata conclusa.

Santa Margherita Ligure, 16 gennaio 2009





QUI SAVONA

17 gennaio, semilampo a Savona. A bilanciare il modesto numero dei partecipanti: soltanto dodici, ha provveduto la buona qualità tecnica di molte partite. Primi ex aequo il M° Gianni Collareta e il CM Federico De Florio, p.ti 5 1/2 su 6. Il primo premio è stato attribuito a Collareta per spareggio tecnico (Buholz). A 4 p.ti, terzi/quarti a pari merito il CM Massimiliano Gioseffi e la 1N Fulvio Pugliese. Spareggio tecnico favorevole a Gioseffi. Assente ormai da qualche settimana Ritvan Jakova, l'abbonamento al premio di primo fra gli NC è passato nelle mani di Franco Poggi.

Dal sito http://scacchisavona.altervista.org/





QUI IMPERIA

CIRCOLO SCACCHISTICO IMPERIESE


Classifica generale del 1° semilampo 2009, con sistema italo-svizzero in 6 turni, giocato venerdì 9 gennaio al circolo.

BONOMI
STOPPA
ARATA
DE LUCA
BAJADA
ROSSI CASSANI
FORMENTO
TAGLIANO
RIBIZZI
10° BORRELLI
11° LEPRE
12° RAMELLA
13° SEMERIA

Classifica generale del semilampo del 16 gennaio. Stoppa si è ritirato prima del 4° turno, con punti 2,5.

BONOMI
ROSSI CASSANI
ARATA
BIANCHIMANI
FORMENTO
BAJADA
DE LUCA
VOLPARA
CORREALE
10° STOPPA
11° SEMERIA
12° DONATO
13° BORRELLI
14° SCHERMI
15° LEPRE




QUI SARZANA

È iniziato l'Open 2009 e siamo in 30 giocatori. Eureka, erano anni che non raggiungevamo quota 30. Poiché il torneo ha avuto una così ampia adesione i forzieri del circolo sono pieni. Togliendo i 120 euro per 2 mesi di affitto (la durata del torneo) che dobbiamo al centro sociale direi che ci rimangono circa 330 euro. Ieri sera alcuni soci hanno proposto una consultazione prima di decidere il modo in cui investire il capitale. Personalmente penso che sia un ottima idea perciò ognuno dovrebbe fare le proprie proposte. Per quanto premesso sopra inizierò ad esporvi uno dei possibili modi in cui si potrebbe investire il capitale. Un'idea potrebbe essere quella di delegare Peparini (se lui è daccordo) per l'acquisto di formaggi e marmellate biologiche come si fece per il torneo di Fosdinovo. Ovviamente ognuno avrà le proprie proposte e quindi aspettiamo di sentirle tutte a stretto giro di posta (mail).
Nelle prossime settimane se qualcuno avesse un contrattempo e quindi non potesse venire al circolo al venerdì sera può accordarsi con il proprio avversario per anticipare l'incontro. Ovviamente non c'è nessun obbligo di anticipare un incontro e quindi il giocatore che è impossibilitato a venire al venerdì sera e non trova un accordo con il proprio avversario perderebbe a tavolino. Comunque vadano le trattative tra i due giocatori l'importante è che facciate sapere il risultato comunicandolo agli organizzatori (di persona o tramite qualcuno che viene al circolo).

Dal sito di Sarzana Scacchi: http://www.sarzanascacchi.it/





La notizia è questa: Michelle Obama, la first lady USA, da ragazza giocava a scacchi insieme al fratello, Craig. La notizia è pubblicata dal New York Times: sembra che la mamma insegnò il gioco ai due ragazzi per evitare che passassero troppe ore davanti alla TV.

A questo punto, rendiamo un omaggio a uno dei padri della patria USA, Benjamin Franklin e vediamo cosa pensava degli scacchi. Per qualcuno è noto soprattutto per gli esperimenti sull'elettricità; in realtà, oltreché inventore, è stato un genio poliedrico, politico, diplomatico, autore, filantropo, tra i grandi protagonisti della Rivoluzione americana. Partecipò alla stesura della dichiarazione di indipendenza americana.


LA MORALE DEGLI SCACCHI
BENJAMIN FRANKLIN

(Franklin, 1779)

Il Giuoco degli Scacchi non è solo un ozioso passatempo. Parecchie importantissime qualità della mente, che sono utili nel corso della vita umana, s'acquistano o si rafforzano mediante quel giuoco, cosicché diventano abitudini pronte ad ogni occasione. Perché la vita è una specie di gioco di scacchi, in cui abbiamo spesso dei punti da guadagnare e dei competitori o avversari con cui contendere; e in cui c'è una gran varietà di buoni e cattivi eventi, i quali sono, entro certi limiti, effetti della prudenza o della mancanza della medesima.

Giuocando dunque a scacchi possiamo imparare:

1. Preveggenza, che guarda un po' nel futuro e considera le conseguenze che possono venire da un'azione, perché il giuocatore pensa continuamente: “se muovo questo pezzo, quali saranno i vantaggi o gli svantaggi della mia nuova posizione? Quale uso potrà farne il mio avversario per infastidirmi? Quali altre mosse potrò fare per sostenere questa e per difendermi dagli attacchi di lui?”
2. Circospezione, che percorre l'intera scacchiera o scena dell'azione, le relazioni fra i diversi pezzi e le situazioni, i pericoli a cui sono rispettivamente esposti, le varie possibilità di aiuto reciproco, le probabilità che l'avversario faccia questa o quella mossa e attacchi questo o quel pezzo, e quali diversi mezzi si possono usare per evitare i suoi colpi o volgerne le conseguenze contro di lui.
3. Cautela di non fare mosse troppo affrettate. Questa abitudine s'acquista meglio osservando strettamente le leggi del giuoco, quali, per esempio, “se tocchi un pezzo, dovrai muoverlo in qualche posto; se lo metti giù lo devi lasciar giù”.

Dunque meglio che queste regole si osservino, poiché così il giuoco diventa ancor più un'immagine della vita umana e specialmente della guerra: nella quale, se tu incautamente ti sei messo in una cattiva e pericolosa posizione, non puoi ottenere dal nemico il permesso di ritirare le tue truppe e collocarle in modo più sicuro, e devi accettare tutte le conseguenze della tua precipitazione. E finalmente, dagli scacchi noi apprendiamo l'abitudine di non scoraggiarci alle attuali apparenze dello stato dei nostri affari, e l'abitudine di sperare in un favorevole mutamento, e quella di perseverare nella ricerca di risorse. Il giuoco è così pieno d'eventi, presenta una tal varietà di svoltate, e la sua fortuna è tanto soggetta a improvvise vicissitudini, e così spesso uno dopo lunga meditazione scopre il mezzo di districarsi da una difficoltà che gli era parsa insormontabile, che ci si sente incoraggiati a continuare la contesa sino alla fine, sperando d'ottener vittoria con la nostra abilità o almeno stallo dalla negligenza del nostro avversario. E chiunque consideri, come negli scacchi ne vede frequenti esempi, che particolari successi sono atti a produrre presunzione e una conseguente inattenzione, a causa della quale si perde poi più di quanto non s'avesse guadagnato dal precedente vantaggio, mentre le sfortune producono maggior cura e attenzione, per cui la perdita può esser rimediata, imparerà a non esser troppo scoraggiato da alcun attuale successo del suo avversario, e a non disperare della finale buona fortuna per ogni piccolo ostacolo che incontra per ottenerla.
Affinché dunque si possa esser indotti a scegliere più spesso questo benefico divertimento in preferenza d'altri che non sono accompagnati dai medesimi vantaggi, si dovrà tener conto d'ogni circostanza che ne può accrescere il piacere; ed ogni azione o parola sleale, irrispettosa, o in qualsiasi maniera atta a mettere in disagio, dovrà essere evitata come contraria alla diretta intenzione dei due giuocatori: la quale è di passare il tempo piacevolmente.

Quindi anzitutto, se si è d'accordo di giuocare secondo le strette regole, queste debbon essere esattamente osservate da tutti e due i giuocatori, e non si dovrà insisterci sopra da una parte e trascurarle dall'altra, perché ciò non è equo.
In secondo luogo, se si è d'accordo di non attenersi strettamente a tutte le regole e uno chiede qualche concessione, questi dovrebbe volentieri concedere lo stesso all'altro.
In terzo luogo, non si deve mai fare nessuna falsa mossa per districarsi dalle difficoltà o per ottenere un vantaggio. Non ci può esser piacere a giocare con una persona quando la si è scoperta sleale.

In quarto luogo, se il vostro avversario è lento nel giuocare, non dovete fargli fretta o esprimere impazienza alla sua lentezza. Non dovete né cantare, né fischiare, né guardare il vostro orologio, né prendere un libro per leggere, né batter col piede sul pavimento o tamburellare il tavolo con le dita, né far alcunché che possa disturbare la sua attenzione. Perché tutte queste cose dispiacciono, ed esse mostrano non già la vostra abilità nel giuocare, bensì la vostra astuzia o scortesia.
In quinto luogo, non dovete cercar di divertire o ingannare il vostro avversario fingendo d'aver fatto una cattiva mossa e dicendo che ormai avete perduto la partita per renderlo sicuro di sé, trascurato e poco guardingo, dei vostri piani: perché questa è una frode e un inganno, non abilità nel giuoco.
In sesto luogo, quando avete avuto la vittoria non dovete usare alcuna espressione d'esultanza o insultante, né mostrarne troppo piacere, ma anzi cercare di consolar l'avversario per renderlo meno malcontento di se stesso mediante ogni specie di gentile espressione che possa usarsi con verità, come ad esempio, “voi conoscete il giuoco meglio di me ma siete un po' disattento”, o “voi giuocate troppo in fretta”, o “voi avevate la meglio nella partita, ma è intervenuto qualche cosa a distrarvi, e così è finita in mio favore”.

In settimo luogo, se voi siete spettatore mentre altri giuocano, osservate il più perfetto silenzio. Perché, se date consiglio offendete tutti e due i giuocatori: quello contro cui lo date, perché può causare la perdita della partita, e quello a cui favore lo date, perché, anche se è un buon consiglio ed egli lo segue, è privato del piacere che avrebbe potuto avere se voi l'aveste lasciato pensare fino che avesse trovato la mossa da sé. E anche dopo la mossa o le mosse, non dovete rimettere i pezzi dov'eran prima e mostrare come potevan essere meglio mossi: perché ciò dispiace e può causare dispute e dubbi sulla vera posizione. Ogni parlare ai giuocatori diminuisce o distrae la loro attenzione, e quindi spiace. Né dovete fare alcun cenno a nessuno dei due con rumore o movimento. Se così fate non siete degno d'essere spettatore. Se avete intenzione di esercitare o mostrare il vostro giudizio, esercitatelo nella vostra partita quando ne avete l'opportunità, non nel criticare o nell'immischiarvi o nel consigliare nel giuoco d'altri.

Finalmente, se questo giuoco non lo fate rigorosamente secondo le regole summenzionate, moderate il vostro desiderio di vincere l'avversario e siate contenti s'egli vi vince. Non approfittatevi immediatamente d'ogni vantaggio che egli vi offra con la sua incapacità o disattenzione; ma anzi ditegli gentilmente che con quella tal mossa egli mette o lascia un pezzo in pericolo e indifeso, e che con quell'altra mossa metterà il suo re in posizione pericolosa, ecc. Con tale generosa cortesia, così opposta alla slealtà più sopra proibita, voi potrete in verità perdere una partita, ma vincerete, quel che val meglio, la stima, il rispetto e l'affetto del vostro avversario, nonché la silenziosa approvazione e buon volere degli spettatori imparziali.