Notiziario mensile del
Circolo Scacchistico Genovese L. Centurini
Numero 139 Luglio-Agosto 2008 - Anno XIII
http://www.centurini.it



GRAND PRIX ALLA CORTE DI REMIGIO

Un'altra bella lotta fra maestri ha contraddistinto il Grand Prix semilampo disputatosi sabato 28 giugno a Villa Piaggio. Vittoria allo spareggio tecnico di Remigio Fossati, unico giocatore imbattuto, che ha terminato a sei punti su sette, insieme a Dario Brun. Solitario terzo posto del maestro savonese Giovanni Collareta, che ha preceduto Flavio Guido e il brillante Daniele Cantoro a 5 punti.
In totale 26 partecipanti, e fra questi buone prove di Vincenzo Liberti (2N) e Katia Restifo (NC), terminati entrambi a 4 punti.

Guido e Brun, ma fra i due litiganti questa volta ha vinto Fossati




FIDE: SEMPRE ANAND AL COMANDO DELLA GRADUATORIA

Il campione del mondo Vishy Anand è sempre al vertice della graduatoria Elo internazionale, pur avendo perso 5 punti. Al secondo posto la novità è Alexander Morozevich, a dieci punti di distanza insieme a Kramnik. Poi Ivanchuck, Topalov e Carlsen. Sono questi i sei giocatori al vertice della classifica mondiale.
Sicuramente un gradino più in basso gli altri della top ten: Radjabov, Mamedyarov, Shirov e Leko.
Escono dalla top ten Aronian e Svidler.
I giocatori over 2700 sono saliti a ventinove.
Sito ufficiale: http://www.fide.com

Pos Nome Tit Naz Elo Partite Anno
1 Anand, Viswanathan g IND 2798 2 1969
2 Morozevich, Alexander g RUS 2788 20 1977
3 Kramnik, Vladimir g RUS 2788 0 1975
4 Ivanchuk, Vassily g UKR 2781 25 1969
5 Topalov, Veselin g BUL 2777 10 1975
6 Carlsen, Magnus g NOR 2775 16 1990
7 Radjabov, Teimour g AZE 2744 31 1987
8 Mamedyarov, Shakhriyar g AZE 2742 23 1985
9 Shirov, Alexei g ESP 2741 11 1972
10 Leko, Peter g HUN 2741 0 1979
11 Svidler, Peter g RUS 2738 32 1976
12 Aronian, Levon g ARM 2737 11 1982
13 Adams, Michael g ENG 2735 20 1971
14 Grischuk, Alexander g RUS 2728 21 1983
15 Karjakin, Sergey g UKR 2727 27 1990
16 Movsesian, Sergei g SVK 2723 53 1978
17 Kamsky, Gata g USA 2723 28 1974
18 Gelfand, Boris g ISR 2720 10 1968
19 Ponomariov, Ruslan g UKR 2718 10 1983
20 Gashimov, Vugar g AZE 2717 34 1986
21 Eljanov, Pavel g UKR 2716 23 1983
22 Polgar, Judit g HUN 2711 3 1976
23 Bu, Xiangzhi g CHN 2710 25 1985
24 Jakovenko, Dmitry g RUS 2709 20 1983
25 Dominguez Perez, Leinier g CUB 2708 19 1983
26 Alekseev, Evgeny g RUS 2708 12 1985
27 Ni, Hua g CHN 2705 28 1983
28 Milov, Vadim g SUI 2705 16 1972
29 Wang, Yue g CHN 2704 28 1987


LISTA ITALIANI: CARUANA VOLA A 2630

Nella Top Italia è saldamente al comando Caruana con i suoi 2630 punti. Continua la crescita di Fabiano, che per un soffio non è nei primi cento al mondo (si trova al 107mo posto della graduatoria Fide). Invece negli under 20 è quinto assoluto. Compirà 16 anni il prossimo 30 luglio.
Secondo nella graduatoria italiana c'è sempre Michele Godena. Per il resto poche novità.
Fra i liguri, Di Paolo è a 2367, Flavio Guido a 2356.
Fra le donne, prima è la giocatrice di origine russa Zimina con 2368, seguita dalla Sedina a 2344.


              CLASSIFICA ASSOLUTA ELO FIDE Ital.            
------------------------------------------------------------
   107   Caruana, Fabiano                g    ITA  2630   27
   627   Godena, Michele                 g    ITA  2519   27
   814   Zlochevskij, Alexander          g    ITA  2501    0
   829   Zilberstein, David              m    ITA  2500    0
   966   Bellini, Fabio                  m    ITA  2489    6
  1048   Brunello, Sabino                m    ITA  2482   19
  1060   D'Amore, Carlo                  m    ITA  2481    0
  1221   Shytaj, Luca                    m    ITA  2467    0
  1389   Ortega, Lexy                    g    ITA  2456    9
  1396   Garcia Palermo, Carlos          g    ITA  2456   16
  1430   Bruno, Fabio                    m    ITA  2454   23
  1642   Borgo, Giulio                   m    ITA  2442   16
  1783   Arlandi, Ennio                  m    ITA  2436    0
  1817   Ronchetti, Niccolo'             f    ITA  2434   14
  1855   Belotti, Bruno                  m    ITA  2433    0
  1988   Braga, Fernando                 m    ITA  2428    0
  2095   Mogranzini, Roberto             m    ITA  2423   15
  2185   Genocchio, Daniele              f    ITA  2420   29
  2229   Rombaldoni, Denis               f    ITA  2418    8
  2250   Vocaturo, Daniele               m    ITA  2417   16




News dal Circolo Merlino di Sestri Ponente: Badino vince a Villa Rossi

Alla Festa del Partito Democratico allestita nel verde della "Villa Rossi" di Sestri Ponente sabato 28 giugno, il Torneo Semilampo da noi organizzato riservato agli esordienti ha avuto un buon successo con 16 giocatori, nonostante la calura e l'inizio delle vacanze estive. A farla da padrone è stato Luciano Badino, imbattuto con punti 5.5 su sei partite. Al secondo posto si è piazzato Danilo Mirata (1° juniores) con punti 4.5, seguito da Marcello Cafasso con uguale punteggio. Quarto posto per Giampaolo Camera con 4 punti, seguono con punti 3.5 Umberto Romano, Marco Moretti e Lorenzo Pesce (2° juniores). Infine con 3 punti Arturo Benzi, Marco Lanteri (3° juniores), Marco Pinna e Arcangelo Sorrenti. Sono stati premiati dal nostro Presidente, con coppe e targhe i primi 3 classificati senior e i primi 3 classificati junior. A tutti gli altri concorrenti, come è tradizione del Circolo Filippo Merlino, medaglioni e medaglie di partecipazione al torneo.




Imperia: Stoppa primo nell'agriturismo

Il 28 giugnio si è giocato a Imperia in agriturismo l'open Au Bey. Fra i ventisei concorrenti ha avuto la meglio il maestro Omar Stoppa che ha superato allo spareggio tecnico Giorgio Ricca. Entrambi hanno terminato a sette punti su otto. Terzo posto per Gabriele Pesce a 6 punti.





ASCI:
PUGLIESE VA ALLE OLIMPIADI A CRETA

Si è svolto a Silvi Marina (TE) il trentaseiesimo campionato italiano di scacchi organizzato dall'ASCI, l'associazione degli scacchisti ciechi.
Con il suo quinto posto assoluto il nostro Giuseppe Pugliese ha conquistato il ticket per le prossime Olimpiadi, dove la nazionale italiana non vedenti schiererà, oltre a lui, Lorenzo Damiani, Mauro Fratini, Claudio Gasperoni e Diego Poli.
A Silvi Marina si è laureto campione italiano con 6 su 7 l'italo-albanese Bersan Vrioni, 38 anni, di Viterbo. Secondo posto per Fausto Scali di Arezzo. Terzo Fratini di Macerata, che ha superato allo spareggio tecnico il leccese Pasquale Papa.

La classifica finale top ten

XXXVI CAMPIONATO ITALIANO DI SCACCHI

1° Vrioni Bersan (VT) 6,0
2° Scali Fausto (AR) 5,5
3° Fratini Mauro (MC) 4,5
4° Papa Pasquale (LE) 4,5
5° Pugliese Giuseppe (GE) 4,0
6° Nicolini Savino (FI) 3,5
7° Ragusi Gianluca (TE) 3,5
8° Soppelsa Maurizio (VI) 3,5
9° Damiani Lorenzo (MC) 3,5
10° Melle Ezio (PU) 3,5





"I (Grandi) Maestri che ho conosciuto"
Storie, ricordi, frammenti, curiosità e note di colore su giocatori più o meno celebri, del passato e dei giorni nostri...


È stato il primo, ed anche l'unico, almeno fino ad allora... E per molto altro tempo ancora...
"Il Grande Maestro"...
di RdN

Già solo il suono di queste due brevi ma intense parole ne lasciava presagire la magia... il massimo titolo, il traguardo più alto ed ambito a cui qualunque scacchista può mai sognare di giungere... ed in Italia c'era solo lui: il primo e anche l'unico Grande Maestro.

Sergio Mariotti ieri

e... oggi

Era un sabato pomeriggio, in quella che agli inizi degli anni ottanta appariva, a Genova, ancora come una struttura di un certo prestigio: la Fiera del Mare, padiglione del Salone Nautico. Quello stesso Salone Nautico scenario di epici incontri di basket tra la mitica Emerson di Marquinho e Gualco e la meglio pallacanestro italica, quella della Sinudyne Bologna e della Mobilgirgi Varese, dei Bob Morse e dei Chuck Jura...

Terzo piano, funzionava ancora il ristorante... c'era tantissima gente, chissà come mai ma gli scacchisti prima dell'inizio di un torneo sembrano alacri formichine tutte intente a cercare qualcosa, chi il tavolo delle iscrizioni, chi il tavolino dove ripassare, analizzare e mettere a punto la variante da giocare, chi invece il banchetto dei libri in vendita dove spulciare l'ultimo Informatore e farsi immancabilmente irretire in un incauto acquisto che andrà, dimenticato e intonso, a prender polvere su qualche scaffale in alto nella nostra sacra libreria scacchistica... Tante alacri formichine tutte prese dalla febbre degli scacchi e affaccendatissime in un dedalo segreto di viuzze intricatissime e invisibili, senza strisce pedonali ma sicuramente lo stesso di colore bianco e nero...

Il Professor Tonna aveva fatto disporre i tavoli con le scacchiere in tre grandi quadrati, somiglianti ai quadrati napoleonici, quadrati di battaglia, con Pedoni e Cavalli proprio a mo' di Fanteria e Cavalleria... e mal celato desiderio di tutti era quello di indovinare il quadrato "giusto", quello ove avrebbe fatto la simultanea Mariotti... il "Grande Maestro"!

Milorad Vujovic e Francisco Trois già per tempo avevano fatto il loro ingresso nei rispettivi quadrati ed i primi Pedoni del Bianco erano già stati lanciati verso il centro della mischia quali audaci incursori pronti allo scontro... nondimeno il quadrato più grande al centro era ancora vuoto, coloro che erano riusciti a conquistare una scacchiera si guardavano incerti e preoccupati sull'ormai sempre più improbabile arrivo di Mariotti. Approfittando del trambusto ero riuscito a trovare un varco e a farmi largo anch'io verso una scacchiera, proprio di fronte all'entrata. Sapevo chi individuare con lo sguardo, avevo infatti incontrato per la prima volta Mariotti qualche anno addietro, a Milano, all'Hotel Michelangelo, nell'agosto del 1975 in occasione di quello che fu un evento eccezionale nella storia degli scacchi in Italia, quello che oggi si chiamerebbe un Super Torneo, con tre sovietici tutti e tre Campioni del Mondo: Tal, Petrosian e Karpov!

La porta a vetri finalmente si aprì e Mariotti fece il suo ingresso, rapidissimo. Una veloce stretta di mano con gli organizzatori e l'avvio verso il primo giro delle scacchiere all'interno del quadrato... L'incedere era elegante e sicuro, come elegante e inimitabile era il suo stile di gioco e perfino il suo abbigliamento... pantaloni di lana inglese color grigio chiaro e pullover girocollo tinta panna. Quando arrivò di fronte alla mia scacchiera e mi strinse la mano mi sembrò quasi che mi avesse riconosciuto ma timidamente abbassai lo sguardo verso la scacchiera ove Mariotti rapidamente aveva già avanzato il Pedone di Re... Aprì con 1.e4 tutte le partite, almeno quelle del mio lato del "quadrato". Mi avventurai incautamente in una modesta Caro-Kann e dopo appena pochi giri gli tesi onorato il formulario da firmare... mio padre abbandonò anch'egli pochi "giri" dopo di me mentre mio fratello, non sono mai riuscito in seguito a capire bene come, riuscì invece ad approfittare di una svista di Mariotti e a trovarsi con una Torre in cambio di una Cavallo. C'erano ancora parecchi pezzi sulla scacchiera ma al giro successivo, contravvenendo all'etichetta, osò, nell'ingenuità della giovane età, proporgli la patta... Mariotti sorrise e da gentiluomo par suo replicò cavallerescamente: "No, abbandono..." Gesto che per noi bambini assunse subito una connotazione pressoché eroica... Rammento che una delle ultime partite a concludersi fu quella contro il Dottor Buffa o meglio quella contro la sua scacchiera elettronica: un Fidelity Champion che per l'epoca era il "non plus ultra" della tecnologia elettronica ma che oggi farebbe sorridere perfino un poppante... Altri tempi... Mouse e Internet erano ancora termini sconosciuti...

Mariotti terminò per ultimo, Vujovic aveva finito da un pezzo, forse più avvezzo alle cornici stradaiole delle simultanee di piazza mentre Trois, anch'egli, s'era attardato nei meandri di qualche finale giocato a ritmo più rapido... Riuscii a stringere ancora la mano a Mariotti quando s'avviava verso il suo taxi e nuovamente fece i complimenti a mio fratello, più piccolo di me, e anche di gran lunga il più giovane partecipante alla manifestazione. Fuori era ormai buio, in quel tardo pomeriggio di fine febbraio, ma l'emozione che quel giorno l'astro dello scacchismo italiano aveva suscitato nell'animo di noi giovani principianti ha un sapore che, a distanza di quasi trent'anni, ancora porto dentro...





GODENA CAMPIONE ITALIANO SEMILAMPO
BRAVO COLLARETA, SECONDO NELL'OPEN C

Il GM trevigiano Michele Godena è il campione semilampo 2008. La gara si è volta a Saint Vincent il 20 luglio, durante un pausa dei Campionati d'Italia. Godena ha terminato imbattuto con 7,5 punti su 9.
Alle sue spalle, distanziati di un punto, il MF Mario Sibilio e il MI Fabio Bruno.
Nell'open C, vinto da Giulio Marmili con 7 punti su 9, due liguri in bella mostra, con il secondo posto del maestro savonese Giovanni Collareta, che ha terminato a 6 punti, e il quinto posto di Federico De Florio, a 5,5 punti.
I partecipanti al torneo principale sono stati 46, mentre i giocatori globalmente sono stati 147, considerando anche le serie cosiddette "minori". Informazioni e classifiche complete sul sito ufficiale.
Intanto a Saint Vincent si stanno svolgendo, fino al 27 luglio, i Campionati d'Italia: la Semifinale del CIA, l'Open di Qualificazione e i Campionati d'Italia di categoria.
In totale i partecipanti sono 115, con un leggero incremento complessivo rispetto allo scorso anno, ma un lieve calo si registra nel torneo di Semifinale, dove in ordine di rating abbiamo fra i più forti Bruno, Borgo, Mogranzini, Genocchio, Denis Rombaldoni.
Ricordiamo che la finale del campionato italiano si svolgerà quest'anno dal 2 al 15 dicembre a Martina Franca.
Sito di riferimento: www.scacchivda.com.





CAMPIONATI GIOVANILI A MERANO

Si sono conclusi a Merano i campionati italiani giovanili, che hanno registrato un bilancio positivo e un nuovo record di partecipazione, con 799 giocatori. Nessuna sorpresa nel torneo under 16, dove il pesarese Axel Rombaldoni ha conquistato il settimo titolo giovanile consecutivo, superando allo spareggio tecnico Alessio Valsecchi. Sorpresa invece nel settore under 16 femminile, dove si è aggiudicata il titolo la barese Chiara Palmitessa, che ha superato la favorita Roberta Messina. La genovese Chiara Tampoia, del Centurini, ha concluso al nono posto con 4,5 punti.
Nell'under 14 maschile vittoria solitaria del pratese De Filomeno (campione U12 uscente), mentre il nostro Daniele Cantoro ha terminato tredicesimo con sei punti. Nell'U14 femminile Deborah Pavei di Belluno con 7,5 ha superato allo spareggio tecnico la barlettana Eliana Doronzo.
Nell'under 12 maschile ha avuto nettamente la meglio il favorito pisano Marco Codenotti, con 8,5 su 9.

Marco Codenotti

La regione Veneto ha registrato il maggior numero di giocatori partecipanti. Fra le province successo di Bari. Il circolo più rappresentato è stato quello di Ancona. Nel complesso buona la partecipazione della Liguria, anche se il merito va quasi esclusivamente ad Imperia. Per tutti i giocatori una bella esperienza sportiva, che sicuramente non mancherà di produrre i suoi frutti nel futuro.
www.meranoscacchi.com

Merano: la sede di gioco




SEDINA QUARTA AL CAMPIONATO SVIZZERO

Elena Sedina (Elo 2344), con due vittorie contro il campione svizzero uscente GM Joseph Gallagher (Elo 2483) e il MI Claude Landenbergue (Elo 2435), sei patte (contro avversari tutti con Elo superiore, tra cui il neocampione svizzero MI Roland Ekström, Elo 2469) e una sola sconfitta contro il GM Florian Jenni (Elo 2544), si è classificata quarta ex-aequo in occasione del torneo chiuso disputato a Samnaun dal 10 al 18 luglio e valido per l'attribuzione del titolo di campione svizzero individuale assoluto.
Ha vinto Ekström con 6 punti per spareggio tecnico su Jenni.
Elena, unica italiana in gara, giocherà dal 29 agosto al 18 settembre a Nalchik (Russia) il campionato mondiale femminile. 64 giocatrici in gara, con la formula dell'eliminazione diretta. Al primo turno avrà subito un incontro molto impegnativo con la MI statunitense Irina Krush (2470). Il match sarà sulla distanza delle due partite più eventuali spareggi rapid.

La giocatrice favorita del torneo è l'indiana GM Humpy Koneru (2622).