Notiziario mensile del
Circolo Scacchistico Genovese L. Centurini
Numero 107 Settembre 2005 - Anno X
http://www.centurini.it


SOMMARIO:



SCACCHI E MARE: BINOMIO FELICE
1° FESTIVAL SCACCHISTICO A LAIGUEGLIA

Si chiama “Scacchi fra la Sabbia” e si svolgerà dal 30 settembre al 2 ottobre a Laigueglia, in provincia di Savona, presso l'hotel Windsor. Si tratta della prima edizione del festival week-end di scacchi, organizzato grazie alla collaborazione fra il Circolo Centurini, il Comune di Laigueglia e l'Associazione Albergatori della cittadina della riviera del ponente ligure.
Il torneo è suddiviso in due open: il primo è riservato ai giocatori con un punteggio Elo pari o superiore a 1600; il torneo B per tutti gli altri, compresi gli esordienti.
Articolato su tre giorni di gioco, l'iniziativa consente, impegnando un solo fine settimana, di disputare un torneo omologato FSI-FIDE in un ambiente piacevole e rilassante come quello di Laigueglia. Questa è la prima edizione, ma se le previsioni verranno rispettate c'è la concreta possibilità - e volontà - che negli anni a venire l'appuntamento di Laigueglia possa consolidarsi e diventare una scadenza abituale per gli scacchisti.
Il bando completo, con le convenzioni alberghiere, è sulla home page del sito.


LAIGUEGLIA: NON SOLO SCACCHI

Laigueglia è ricca di storia, è stata in passato centro marinaro e commerciale di notevole importanza. Sono molto tipici i suoi carruggi progettati per esigenze difensive, quando le coste liguri erano minacciate dai Saraceni. In seguito, la pesca è stata la fonte di sostegno fondamentale per la popolazione, finché con l'ultimo dopoguerra, grazie al turismo, il vecchio e il nuovo si sono fusi armonicamente per creare il moderno paese di oggi, moderno ma legato alla tradizione, con un caratteristico centro storico che non dimentica la storia, la cultura, i sapori. Oggi attorno all'integro centro storico sorge una nuova moderna cittadina con un centinaio di alberghi di ogni categoria, camping, cinema, caffè-concerto, dancing, discoteche, bar, ristoranti, pizzerie, negozi di ogni genere. Insomma con tutti quei servizi indispensabili per un turismo moderno, attratto dai sapori, dall'atmosfera del vecchio borgo e dal mare pulito, che per la limpidezza delle sue acque ha procurato alla cittadina ligure l'ambito titolo di "Bandiera Blu d'Europa".
La sabbia, finissima ma mai polverosa, delle spiagge di Laigueglia, per la sua origine silicea è inoltre adattissima ad ogni tipo di cura elioterapica.
E dopo la bellezza del mare, non dimentichiamo la gastronomia: quella laiguegliese, naturalmente, è caratterizzata da piatti a base di pesce: dai più comuni ai più tipici e raffinati. Favorita dalla natura, la cucina di Laigueglia trascura le spezie, perché può sempre servirsi dell'aroma delle sue erbe profumate, a cominciare dal basilico. Tra i primi piatti, sono da ricordare le trenette o lasagne al pesto e gli spaghetti con sugo di muscoli. Tra i dolci spiccano per la loro bontà i panzarotti fritti, i biscotti a base di mandorla, le frittelle dolci a base di sfoglia con ripieno di marmellata ed i famosi Baci di Laigueglia.




NOVOTEL: VITTORIA DI LAZIC
Norma di maestro internazionale per Di Paolo
Daniele Cantoro si impone nell'Open C


Il GM serbo Miroljub Lazic ha vinto con merito il 9° open Genova terminato lunedì 15 agosto al Novotel di Sampierdarena. Ha superato allo spareggio tecnico il GM Chatalbashev, che peraltro aveva battuto nello scontro diretto. Al terzo posto, con lo smalto di sempre, il croato Milan Mrdja, a 6,5 punti, insieme al filippino Rañola. Grande risultato per Raffaele Di Paolo, giunto settimo, che ha conseguito in questo torneo la prima norma di maestro internazionale, realizzando una performance da 2473 punti Elo.

Daniele Cantoro alla premiazione

Gli altri risultati tecnici rilevanti della manifestazione sono la norma di maestro nazionale per Remigio Fossati (buon sedicesimo nell'open A) e la bella prestazione di Daniele Cantoro (dieci anni) che ha vinto alla grande l'open C. Gioca da un anno ed è una delle più valide promesse dell'ultima generazione di scacchisti (allievo della Scuola Centurini-Assarotti e seguito particolarmente da Raffaele Di Paolo).

OPEN A: LOTTA FINO ALL'ULTIMO TURNO

Numero uno di tabellone è Alexei Barsov. Parte bene ed è a punteggio pieno dopo i primi due turni, ma la sconfitta del terzo turno sembra deconcentrarlo e non riesce più a portarsi al vertice. Al terzo turno in testa sono Maiorov, Chatalbashev, Sanchez, Mateo e Martinez. Al quarto turno tenta la fuga Chatalbashev, ma Lazic e Maiorov sono pronti a riacciuffarlo e superarlo nel turno successivo. Al sesto turno l'impresa di Di Paolo: batte il MI Mateo e si piazza con cinque punti al comando insieme a Maiorov e Lazic. Al termine del doppio turno il terzetto composto da Maiorov, Lazic e Raffaele riesce a tenere le redini del comando con 5,5 punti, ma devono guardarsi alle spalle dove ci sono, distanziati di mezzo punto, cinque giocatori. Decisivo l'ottavo turno: Lazic batte il filippino Salvador e conquista la vetta; nel turno finale, gli basta la patta per terminare in testa, senza temere lo spareggio tecnico con Chatalbashev, e iscrivere il proprio nome nell'albo d'oro del torneo.

Il vincitore Lazic

OPEN B: BRENCO SI IMPONE NELLA VOLATA FINALE

L'alessandrino De Francisci e il francese Fouillet sembrano fare la gara nei primi turni. Poi il francese allunga e conserva con sicurezza la testa della classifica. Alle sue spalle Pasquotto, Villalba e Brenco rimangono distanziati di un punto al termine del settimo turno. Poi negli ultimi due turni Fouillet spreca tutto, viene raggiunto e superato da Marco Brenco di Santa Margherita, che vince il torneo, e dal barese Guccione. Molto buona la prova dei primi due genovesi, Dario Brun e Giuliano Caputi, ambedue del Centurini, rispettivamente quarto e sesto.

OPEN C: CANTORO SU TUTTI

Non esitiamo a dire che da questo open sono venute le note più interessanti del torneo, in primo luogo per la considerevole partecipazione di giovani e giovanissimi che fa ben sperare per il futuro (del Centurini c'erano Cantoro, Marta e Federico Rivara, Balduzzi). Due i piccoli/grandi protagonisti del torneo, che hanno attirato un po' l'attenzione di tutti: Daniele Cantoro, 11 anni a settembre, ed Elisa Chiarion, modenese, attuale campionessa italiana Under 10! Decisivo l'incontro diretto tra i due, al penultimo turno, risoltosi in favore di Daniele. Jovanovic giunge secondo e Bertocci buon quarto. Daniele ed Elisa hanno stoffa, carattere, potrebbero essere le grandi speranze del domani, segno di uno scacchismo giovanile nazionale sempre più in crescita. Cantoro è seguito, fra gli altri, da Raffaele Di Paolo, che non ha nascosto la sua soddisfazione per l'ottimo risultato del suo pupillo.

Buona la partecipazione al torneo con 141 iscritti e ottima prestazione dei giocatori del Centurini presenti nel numero di 16. Nell'open A, oltre a Di Paolo e Flavio Guido c'erano anche Alan Rodriguez e Vincenzo Manfredi, che hanno fatto una bella gara confermando la loro crescita. D'Alessandro ha arbitrato il torneo, organizzato da Genova Scacchi.

Classifica finale Open 'A'

-----------------------------------------------------------
  1'   3-Lazic Miroljub           SCGGM  7.0   48.0
  2'   2-Chatalbashev Boris       BULGM  7.0   46.5
  3'  13-Mrdja Milan              CROIM  6.5   42.5
  4'   4-Rañola Yves              PHIIM  6.5   40.5
  5'   5-Maiorov Nikita           BLRIM  6.0   48.5
  6'   1-Barsov Alexei            UZBGM  6.0   48.0
  7'  18-DI PAOLO Raffaele        GE FM  6.0   45.0
  8'  12-LANZANI Mario            MI IM  6.0   44.5
  9'   8-Martinez Rolly           PHI-M  6.0   44.0
 10'   9-Salvador Roland          PHIFM  6.0   41.5
 11'  14-BONTEMPI Piero           AN FM  6.0   38.0
 12'   6-Sanchez Joseph           PHIIM  5.5   44.0
 13'  15-BRANCALEONI Maurizio     RN FM  5.5   41.0
 14'  16-GUIDO Flavio             GE FM  5.5   39.0
 15'  10-Hendriks Willy           NEDIM  5.5   38.5
 16'  29-FOSSATI Remigio          GE CM  5.5   36.5
 ecc...

Classifica finale Open 'B'

-----------------------------------------------------------
  1'  18-BRENCO Marco             GE 1N  7.5   38.5
  2'  26-GUCCIONE Daniele         BA 1N  7.0   47.0
  3'  11-Fouillet Arnaud          FRA1N  7.0   45.0
  4'  12-BRUN Dario               GE 1N  6.5   45.5
  5'  14-VILLALBA Fernando        MI 1N  6.5   44.0
  6'  13-CAPUTI Giuliano          GE 1N  6.5   41.5
  7'  10-FRATINO Lorenzo          LU 1N  6.0   38.5
  8'  27-BAROSSO Renzo            TO CM  6.0   37.5
  9'  32-EMOROSO Claudio          CO 2N  5.5   48.5
 10'  24-PASQUOTTO Mirko          TS 1N  5.5   48.0
 11'   3-SPREAFICO Fabrizio       MI 1N  5.5   41.5  4.0
 12'  34-TORTORA Paolo            MI 2N  5.5   41.5  4.0
 13'  25-GANCI Stefano            VR 1N  5.5   37.5  3.0
 14'  29-PARODI Carlo             GE 2N  5.5   37.5  2.5
 15'  17-RIVARA Massimo           GE CM  5.5   33.0
 16'   6-DE SANTIS Massimo        MI 1N  5.0   42.5
 17'  21-DORMIO Luca              GE 1N  5.0   40.5  2.5
 18'   2-MORTOLA Alberto          GE 1N  5.0   40.5  1.5
 19'  23-SCHIAPPACASSE Marcello   GE 1N  5.0   40.0
 20'  39-PEDE Lucio               CO 2N  5.0   34.0  2.0
 21'  54-PESCE Leandro            SV 2N  5.0   34.0  1.0
 22'   5-GALLITTO Salvatore       CN CM  5.0   30.5
 ecc...

Classifica finale Open 'C'

-----------------------------------------------------------
  1'  11-CANTORO Daniele          GE NC  7.5   42.0
  2'  13-JOVANOVIC Goran          GE 3N  6.5   45.5
  3'  21-CHIARION Elisa           MO NC  6.0   46.5
  4'  27-BERTOCCI Daniel          GE NC  6.0   39.5
  5'  17-GUIDO Giuseppe           GE 1N  6.0   37.5
  6'  18-DURANTE Corrado          GE 2N  6.0   36.0
  7'  24-FONTANA Maurizio         GE NC  5.5   42.5
  8'   1-BELLONE Giuseppe         GE 2N  5.5   41.5
  9'  12-PASSINI Stefano          MO NC  5.5   33.5
 10'  16-BRIGHENTI Alessandro     MI 2N  5.0   46.5
 11'   3-PUGLIESE Alessandro      GE NC  5.0   44.0
 12'  25-GUERRINI Massimiliano    GE NC  5.0   36.0
 ecc...




La scomparsa di Lanfranco Bombelli

Lutto nel mondo scacchistico italiano per la scomparsa dell'arbitro internazionale Lanfranco Bombelli, avvenuta nella notte del 9 agosto a Torino. I funerali si sono svolti sabato 13 agosto nello stesso capoluogo piemontese. La Federazione, grazie all'interessamento diretto e personale del Presidente Pagnoncelli, che ha interrotto le ferie per recarsi a Torino per il disbrigo delle pratiche burocratiche, si è assunta l'onere delle esequie e della loro organizzazione, in assenza di parenti.
Si tratta sicuramente di una grossa perdita per lo scacchismo italiano, oltreché di un caro amico. Era un grande arbitro noto per la sua competenza, preparazione, disponibilità, equilibrio. Aveva direttotutti i più importanti tornei italiani ed è stato più volte invitato all'estero, tanto che era considerato un sicuro punto di riferimento per le prossime Olimpiadi 2006 a Torino. Sapere che non potrà presenziare alle prossime Olimpiadi nella sua Torino è davvero sconfortante. Nel mese di giugno aveva arbitrato magistralmente il torneo di Cattolica.
Era nato a Ricaldone (AL) il 13 dicembre 1944. Diventato arbitro nazionale nel 1976 e internazionale nel 1986, ha svolto anche incarichi dirigenziali in Federazione, nel consiglio direttivo dell'ASIGC e nella Società Scacchistica Torinese. Ha collaborato con le principali riviste italiane, con "Europe Echecs" e "Die Scachwoche".
Bombelli era un uomo che viveva di scacchi, e come talvolta accade agli spiriti liberi è morto in solitudine, ma era una persona enormemente stimata e apprezzata nel mondo scacchistico. L'anno scorso aveva arbitrato a Genova il Festival internazionale del Ducale e si era fatto particolarmente apprezzare non solo per le capacità con cui svolgeva il suo ruolo di arbitro, ma anche per la disponibilità che sempre dimostrava per la soluzione dei piccoli o grandi problemi che potevano presentarsi. Un punto di riferimento e un amico che ricorderemo sempre con affetto.




GÖTEBORG (SVEZIA): OLANDA D'ORO ALL'EUROPEO, DÉBACLE DELLA RUSSIA

Lo strapotere russo nell'universo scacchistico ha ormai del tutto imboccato il viale del tramonto. Ne è una prova la graduatoria Fide, dove, tolto Kasparov, i primi due sono da tempo l'indiano Vishy Anand e il bulgaro Veselin Topalov. E l'ennesima conferma arriva dal campionato europeo a squadre, disputato a Göteborg (Svezia) dal 29 luglio all'8 agosto: la corazzata Russia, numero uno di tabellone pur senza molti big (ma Svidler, Dreev e Bareev non sono certo brocchi), ha ottenuto forse il suo peggior risultato di sempre, un quattordicesimo posto con ben tre sconfitte nel proprio ruolino di marcia. A vincere la competizione è stata l'Olanda degli inossidabili Loek van Wely, Ivan Sokolov, Sergei Tiviakov, Jan Timman ed Erik van den Doel, che ha concluso imbattuta con 15 punti su 18 e 22 su 36 individuali: un risultato storico per una formazione che, in passato, aveva abituato i propri connazionali più alle delusioni che alle sorprese. Ottimo anche Israele, secondo a quota 14 (23.5): Gelfand e compagni hanno perso il treno della vittoria solo all'ottavo turno, dopo una gara di vertice, perdendo 2.5-1.5 con la Georgia. Terze a 13 (21.5) la Francia, che ha provocato il primo dolore alla Russia (2.5-1.5 al terzo turno), e una sorprendente Grecia, diciassettesima in ordine di forza. L'Italia non è riuscita a far meglio che confermare il proprio numero 31 di tabellone, rimediando un paio di pesanti sconfitte sulle cinque complessive (4-0 contro Repubblica Ceca e Danimarca) e superando solo formazioni sulla carta inferiori (3.5-0.5 Turchia e Cipro, 2.5-1.5 Lussemburgo). Una prestazione quindi tutto sommato deludente, soprattutto in vista delle Olimpiadi di Torino 2006, ma che ha messo in luce ancora una volta il MI romano Carlo D'Amore, autore di un ottimo 5 su 8 in seconda scacchiera con una performance Elo di 2565. Sottotono invece Michele Godena, 3 su 7 in prima, Daniel Contin, 1.5 su 6 in quarta, e Roberto Mogranzini, 2.5 su 7 come riserva, mentre il campione italiano Fabio Bruno ha ottenuto 3.5 su 8, più o meno quanto era atteso in base agli avversari da lui incontrati.
Nel torneo femminile, dove si è giocato su quattro scacchiere e dove l'Italia non era presente, a prevalere è stata la Polonia, anch'essa con 15 punti su 18 (23 su 36 individuali). L'argento è andato alla Georgia (14 e 21.5), mentre la favorita Russia guidata da Alexandra Kosteniuk ha ottenuto quanto meno il bronzo (12 e 22) davanti alla Bulgaria (12 e 21). Non resta che attendere il maggio del prossimo anno per vedere se, alle olimpiadi di Torino, i russi vorranno rimediare allo smacco subito schierando i propri giocatori di vertice o se, invece, rischieranno di nuovo di lasciare il passo a formazioni sulla carta meno blasonate, ma senz'altro più agguerrite.

Da Messaggero Scacchi (http://www.messaggerie.it) n. 279 (8 agosto 2005)





OLIMPIADI: IN MARCIA VERSO IL 2006.
INIZIA IL CONTO ALLA ROVESCIA

Sono stati compiuti decisivi passi avanti nella pianificazione organizzativa delle Olimpiadi 2006 a Torino e il quadro generale è ora molto più chiaro.
Ricordiamo intanto i componenti del Comitato Organizzatore. Presidente: Paolo Fresco; vice-presidente: Alessandro Casazza; direttore generale: Michele Cordara.
I Consiglieri sono: Mercedes Bresso (Regione Piemonte), Sergio Chiamparino (Comune Torino), Antonio Saitta (Provincia di Torino), Giampietro Pagnoncelli (FSI), Roberto Rivello (Comitato Regionale), Massimo De Barberis (Scacchistica Torinese), Carlo Caracciolo, Evelina Christillin, Mario Fabbri, Luigi Subitosi, Gianluigi Melega, Alan Nixon.

Il sito ufficiale della manifestazione, che consigliamo di andare a visitare, è http://www.chessolympiad-torino2006.org/.

Michele Cordara, grande protagonista di questa avventura, su “En Passant” fa il punto della situazione.

Villaggio Olimpico: Stiamo chiarendo i vari aspetti che l'ospitalità di 2.500 persone per 15 giorni comporterà.

Sede di gioco: Abbiamo chiesto l'OVAL in costruzione al Lingotto. È una struttura di 18 mila mq. che verrà divisa in tre parti. Nella prima ci saranno le Olimpiadi, nella seconda i tornei collaterali, nella terza gli stand degli sponsor, degli enti, degli espositori e il campionato mondiale dei computer.

Direttore del torneo: Abbiamo scelto Boris Kutin, organizzatore delle Olimpiadi del 2002 a Bled.

Arbitri: Dei 100/120 arbitri necessari la metà o poco più saranno stranieri. L'arbitro capo sarà nominato dalla FIDE ma uno dei due vice arbitri sarà italiano, probabilmente Franca Dapiran.

Ufficio Stampa: Sarà Miso Cebalo il responsabile della comunicazione durante il torneo, coadiuvato da Adolivio Capece, altri due giornalisti più uno staff di redazione.

Scacchiere elettroniche: Tutte le 450 partite giocate giornalmente potranno essere seguite da ogni angolo del pianeta in tempo reale sul computer di casa.

Bollettino del torneo: Non ci sarà, perché la FIDE ha accettato la nostra idea di creare per i 15 giorni dell'evento un vero e proprio giornale che una piccola redazione internazionale comporrà giornalmente con articoli, interviste, classifiche, partite, ecc.

Volontari: Grazie all'accordo con il liceo linguistico avremo decine di studenti come collaboratori logistici per le squadre e al desk del villaggio olimpico.

Merchandising: “Le Due Torri” di Bologna gestiranno il merchandising olimpico (sul loro sito sono già in vendita le T-shirt).

Manifestazioni culturali: Abbiamo un ricco ed elaborato programma culturale che toccherà la musica, il teatro, la fotografia, il cinema. In più sull'onda del campionato mondiale dei computer saranno organizzate delle conferenze sul gioco e l'informatica con relatori da tutto il mondo. Nel programma è compresa la formalizzazione del “Centro studi scacchistici Marcel Duchamp” che programmerà e organizzerà avvenimenti culturali a tema scacchistico.

Manifestazioni scacchistiche collaterali: Ci sarà un programma serale per coloro che non si accontenteranno della scorpacciata pomeridiana olimpica.

Mostra/mercato: “Le Due Torri” faranno uno stand di 500 mq. che, oltre al loro negozio, ospiterà espositori scacchistici di tutto il mondo.





IMPERIA: VITTORIA BULGARA, ARLANDI SUL PODIO

Si è concluso domenica 4 settembre il 47° Festival, il più forte e partecipato torneo ligure della stagione con 156 giocatori.

Nel Torneo A ha vinto il GM bulgaro-palestinese Ermenkov con punti 6,5 per spareggio tecnico su altri tre giocatori: il ceco Pavel Simacek, Ennio Arlandi e il francese Aurelien Dunis. Il ceco Dolezal ha preso la norma di Maestro internazionale. Da segnalare fra i genovesi Remigio Fossati che è giunto 25° con 4,5 punti e il maestro imperiese Omar Stoppa 27° con 4,5 punti.

Nel Torneo B bella prova del romano Mauro Scacco che ha vinto con 7 punti su 8, distanziando di mezza lunghezza il francese Ter Sarkissoff. Terzo il bolognese Marco Semeria. Bravo l'imperiese Ricca che è finito a 5 punti.

Il Torneo C è andato ad appannaggio del torinese Sergio Degrassi, davanti al milanese Visigalli. E qui non possiamo non sottolineare la prova smagliante del nostro web master Enrico Gardini, classificatosi al terzo posto. Daniele Lanzillotta ha confermato l'ottima performance che l'ha portato a conseguire la 2^ Nazionale.

Nel Torneo D ha vinto senza discussioni Brenninger, di Bolzano, a punteggio pieno (8 su 8), davanti all'altro altoatesino Pichler.

OPEN A

 1'   5-Ermenkov Evgenij       PLE  GM   6.5   45.5
 2'   7-Simacek Pavel          CZE  IM   6.5   44.5
 3'   8-Arlandi Ennio          MI   IM   6.5   44.0
 4'   4-Dunis Aurelien         FRA  IM   6.5   39.5
 5'   2-Kalod Radek            CZE  GM   6.0   46.5
 6'   6-Biolek Richard         CZE  IM   6.0   44.5
 7'   3-Sulava Nenad           CRO  GM   6.0   43.5
 8'  10-Dolezal Radoslav       CZE  -M   6.0   43.0
 9'  14-Mueller Ralf           GER  FM   6.0   41.5
10'  12-Banas Jan              SVK  IM   5.5   46.5
ecc...

OPEN B

 1'   3-SCACCO Mauro             RM   CM   7.0   37.0
 2'   2-Ter Sarkissoff Jean-Jac  FRA  -M   6.5   37.0
 3'   5-SEMERIA Marco            BO   CM   6.0   35.0
 4'   6-BONUGLI Carlo            PR   CM   5.5   33.0
 5'  11-GAGGINO Davide           MI   CM   5.5   31.5
 6'  14-Blaha Bohuslav           CZE  -M   5.5   30.0
 7'   1-PICCO Ruggero            UD   CM   5.0   38.0
 8'  35-RICCA Giorgio            IM   1N   5.0   36.0
 9'  29-MARINONE Lucio           VC   1N   5.0   35.0
10'   4-Machalek Bedrich         CZE  -M   5.0   34.0
ecc...

OPEN C

 1'   2-DEGRASSI Sergio          TO   1N  6.5   33.5
 2'   6-VISIGALLI Cesare         MI   2N  6.0   33.0
 3'   5-GARDINI Enrico           GE   2N  6.0   31.0
 4'  24-PEPE Savino              IM   3N  5.5   36.0
 5'  21-PETTARINI Renato         TO   3N  5.5   34.5
 6'  29-SOUKUPOVA Teresa         EE   3N  5.5   31.5
 7'   7-GIORDANETTI Giuseppe     BI   2N  5.5   30.0
 8'  16-MONGELLI Ferdinando      IM   2N  5.0   39.5
 9'  17-PESCE Leandro            SV   2N  5.0   35.0
10'  22-ONDRICH Jan              EE   3N  5.0   32.0
ecc...

OPEN D

 1'   2-BRENNINGER Daniel        BZ   NC  8.0   34.5
 2'  11-PICHLER Hannes           BZ   NC  6.0   35.5
 3'   1-ACCINELLI Pietro         SV   3N  5.5   37.5
 4'   9-PEDEVILLA Philipp        BZ   NC  5.5   37.0
 5'   7-INSERRA Elisa            SA   NC  5.0   34.5
 6'  18-MONTANI Riccardo         SV   NC  5.0   31.5
 7'  19-PUGLISI Michele          IM   NC  4.5   36.5
 8'   5-FERRARI Daniele          IM   NC  4.0   35.5
 9'   8-LANZILLOTTA Valentino    IM   NC  4.0   32.5
10'  12-SALUSTRI Alessio         IM   NC  4.0   31.0
ecc...




COLPO D'OCCHIO A BRATTO

Il torneo di Bratto, che si è disputato nel nuovissimo Palasport di Castione della Presolana (bellissimo il colpo d'occhio, come si può vedere dalla foto) si è dimostrato anche quest'anno il più forte torneo italiano. È terminato domenica 28 agosto.
Dopo tre secondi posti consecutivi la veronese Eleonora Ambrosi, 17 anni, ce l'ha fatta, vincendo lo scudetto nel campionato femminile. È stata una vittoria contrastata, combattuta fino all'ultimo dalle forti rivali, in primo luogo la romana Panella e l'altra veronese Di Cerbo.
Ma a Bratto si è giocato anche il campionato italiano under 20, con vittoria allo spareggio tecnico del ravennate Niccolò Ronchetti sul salernitano Lettieri e il bergamasco Sabino Brunello.
E veniamo al Magistrale, dove si è registrato il successo con una certa tranquillità del grande maestro russo Vladimir Epishin, che ha scritto per la quinta volta il suo nome nell'albo d'oro del torneo. Dopo avere vinto di fila le prime cinque partite, non gli è rimasto che amministrare il vantaggio pattando le rimanenti quattro partite. Solo il GM croato Cebalo lo ha raggiunto in vetta, a sette punti, ma ha dovuto cedere allo spareggio tecnico.
Molto folto il gruppo dei secondi a mezzo punto di distanza. Fra questi i due italiani Michele Godena e Giulio Borgo. Al torneo c'erano anche Flavio Guido e Raffaele Di Paolo, che hanno terminato a cinque punti. Nell'open C c'era anche Giuseppe Guido, papà di Flavio. Per lui una menzione speciale: era il veterano del festival, ma ha giocato con l'ardore e la grinta giovanile di sempre.
Parecchie le iniziative collaterali e fra queste ha assunto un particolare rilievo la fiera del libro scacchistico. Il premio del libro dell'anno è stato assegnato a "Zurigo 1953" di David Bronstein, edito da Caissa Italia. Claudio Pantaleoni si è aggiudicato invece il premio per il miglior libro di autore italiano: "Capire le aperture. Tutto su 1.e4", pubblicato da Messaggerie scacchistiche.
Premiato anche Adolivio Capece per gli articoli a tema scacchistico apparsi su “La Stampa” e un'altra giornalista, Silvia Grilli di "Panorama", per il miglior articolo su periodico.

Capece l'anno scorso a Genova (Hotel City)

Appuntamento alla prossima edizione, probabilmente dal 19 al 27 agosto 2006.


Classifiche finali - Le prime posizioni

Open A: 1°-2° Epishin, Cebalo 7 punti su 9; 3°-12° Khenkin, Drasko, Atalik, Godena, Iordachescu, Jones, Palac, Borgo, Lalic, Drazic 6.5; 13°-25° Dervishi, Maiorov, Groszpeter, Bellia, J. Sanchez, Hunt, L. Shytaj, Vezzosi, Contin, Salvador, Sedina, Sax, Rendle 6;

Under 20: 1°-3° Ronchetti, Lettieri, Brunello 7 punti su 9; 4°-8° Amato, Tomba, Damia, Braschi, Navarro 6.5; 9°-11° Lain, D. Lapiccirella, Pulito 6; 12°-21° Lapenna, Frilli, Napoli, Bellemo, Bosi, Cappai, Fortino, Pomaro, Cozzarin, Stips 5.5;

Femminile: 1^ Ambrosi 7 punti su 9; 2^ Panella 6.5; 3^ M. T. Arnetta 6; 4^-9^ Chierici, Santurbano, Di Cerbo, De Rosa, Sautto, Matta 5.5; 10^-11^ Costariol, Fittante 5;

Open B: 1°-4° Bona, Piemonti, Boccalatte, Simone 6 punti su 8; 5°-7° Bettini, Panigoni, Quagliarella 5.5; 8°-11° Spreafico, Brioschi, Nardone, Lampi 5;

Open C: 1°-3° Madiai, Tentori, Burbi 6.5 punti su 8; 4°-6° Galasso, Stella, R. Bruno 6; 7°-12° Gerali, Antolini, Leali, Paulovich, Saracco, Menon 5.5;

Promozione: 1°-2° Giglioli, Corbellini 6.5 punti su 8; 3° Stips 6; 4°-8° Cambi, Fiammetti, R. Mora, Nava, Bernardi 5.5;