Notiziario mensile del
Circolo Scacchistico Genovese L. Centurini
http://members.xoom.it/Centurini/
Numero 61 Giugno 2001 - Anno VI


SPAREGGIO A1: NON BASTA IL PARI AL CENTURINI

È terminato due a due l'incontro di spareggio contro Milano Desio Hotel Selide, disputato domenica 13 maggio a Novi Ligure e valevole per la promozione in serie A1. La rappresentativa lombarda supera la prova grazie al regolamento che prevede come decisivo, in caso di parità, l'esito della partita in prima scacchiera.
Il match, combattutissimo fino all'ultimo, si è svolto nel corso della domenica elettorale: anche gli exit-poll e i sondaggi scacchistici avevano previsto, in effetti, un gara molto dura che si sarebbe risolta in un testa a testa finale! I nostri avversari apparivano complessivamente più forti considerando i valori del punteggio Elo, ma non così è apparso sulla scacchiera dove la vittoria ci è sembrata a portata di mano e c'è sfuggita solo per un soffio. Dunque Trabattoni, Ratti, Passoni e Bozzi hanno affrontato i nostri Guido, Di Paolo, Pernigotti e Massa.

La cronaca
Si mettono subito bene le cose per i nostri, quando Passoni, con il nero, sacrifica un alfiere sul pedone g4: ma Carlo Pernigotti non è tipo facilmente impressionabile, confuta abilmente l'avventata mossa dell'avversario e prende in mano le redini dell'incontro. Flavio Guido, con il bianco, affronta Trabattoni, che rientra in una partita del Dragone, va a stare peggio e per questo cerca di intorbidire le acque. Flavio ha solo un assillo, superare il controllo del tempo della seconda ora. La mossa vincente c'era, ma purtroppo lo zeitnot pregiudica la partita. Ma quasi contemporaneamente arriva la vittoria di Massa contro Bozzi, ottenuta con un gioco tranquillo, pulito, efficace. Siamo sull'uno a uno. Passiamo in vantaggio con il successo di Pernigotti: con questa nuova vittoria conclude un campionato dove ha potuto realizzare una performance elevatissima, consacrandosi come una delle più belle realtà del nuovo scacchismo genovese. Purtroppo però, in seconda scacchiera, a Di Paolo non riesce il miracolo di ribaltare una posizione ormai compromessa contro Ratti. Finisce due a due: i milanesi tirano un sospiro di sollievo e tornano a casa con in tasca la promozione.

I commenti
Il bilancio della nostra partecipazione al campionato: non può che essere positivo. Abbiamo vinto il girone meritatamente, andando al di là delle più rosee previsioni, esprimendo un gioco brillante, lottando sempre fino all'ultimo e uscendo imbattuti da tutti gli incontri. "Anche nei momenti difficili abbiamo saputo dare il meglio, con grandi prove di carattere. Abbiamo vinto un girone dove figuravano squadre titolatissime", dice soddisfatto capitano Poli.
Faggiani: "L'incontro di Novi era aperto a tutti i risultati. Ci poteva stare anche la vittoria, ma il risultato non sminuisce il valore della squadra e della sua prestazione. Guardiamo con fiducia ai nostri programmi per il futuro, questi sono giocatori che sapranno dare altre soddisfazioni a tutti gli scacchisti genovesi".
Ed è felice il Presidente Di Liberto: "Non nascondo che se avessi festeggiato il mio compleanno con la promozione in A1 sarei stato più contento, ma sono ugualmente soddisfatto per l'impegno dimostrato, la sportività, l'affiatamento e l'attaccamento ai colori sociali di tutti e quattro i nostri giocatori. Segnalo in particolare i ragguardevoli progressi di Carlo Pernigotti".

Prospettive
Si guarda già al prossimo anno, quando il livello delle squadre nel girone 1 della serie A2 sarà addirittura superiore a quello di questa stagione. Tanto più che per noi ci sarà anche qualche responsabilità in più, essendo l'unica squadra impegnata a difendere i colori della nostra città in serie A2. La squadra c'è ed è, come abbiamo ripetuto tante volte, una squadra vera che ha dimostrato proprio quest'anno di essere competitiva contro chiunque. Tante sono le idee e i progetti, vi terremo prontamente informati.




SCANDALO A CUTRO

Il tema del conflitto di interessi ha vivacizzato l'ultima campagna elettorale, ma anche nel nostro piccolo mondo ogni tanto si profilano situazioni di questo tipo.
Ricordiamo che l'art. 46 dello Statuto stabilisce le nuove norme sulle incompatibilità, che riguardano arbitri, dirigenti di società, istruttori. Ad esse, forse, bisognerebbe aggiungere un'altra tipologia: l'incompatibilità tra organizzatore e giocatore. Il caso è esploso anche quest'anno in Calabria, con il silenzio colpevole di troppi.
Parliamo di Pietro Pegorari, organizzatore e giocatore del torneo internazionale chiuso di Cutro (Crotone). Ebbene il nostro giganteggia ogni anno, si è già portato a casa 2380 punti Elo e ha conseguito due norme di MI. L'anno scorso la triste vicenda ebbe anche una certa risonanza internazionale (a livello scacchistico): se ne erano occupati il sito di Mark Crowter TWIC, in termini non proprio lusinghieri per l'Italia, e diverse riviste scacchistiche tedesche, come Schachwoche, che si prodigavano in ironici commenti. Mentre da noi si preferiva il silenzio, anzi l'Italia Scacchistica di Capece addirittura scriveva: "Non riteniamo sia da mettere in dubbio la correttezza della prestazione".
A Cutro abbiamo visto la resistibile ascesa di un giocatore che faceva perdere Grandi Maestri come se fossero terze nazionali! Certo, la cosa talvolta può anche accadere, ma i dubbi rimangono, ed assumono dimensioni enormi se il beneficiario altro non è, tutte le volte, che l'uomo che organizza il torneo stesso! Peccato che vince soltanto nei tornei che organizza lui e non si possa vederlo all'opera in altre competizioni!
Cosa fa la FSI in casi del genere? Eppure esistono dei precedenti: per Zilberstein non fu convalidata la richiesta di GM, a Ricca fu sospeso il titolo di maestro in attesa di una performance superiore a 2200.
Qualcuno dirà: "Ma le patte d'accordo sono sempre esistite, non si possono impedire!". Va bene, esistono le patte d'accordo, per esempio quando due giocatori si siedono alla pari alla scacchiera e trovano che sia più conveniente per entrambi pattare (lo stesso avviene anche in altri sport, per esempio tra due squadre di calcio il cui pareggio è utile ad entrambe per non retrocedere). Ma questi sono aspetti ben diversi dallo scandalo che avviene a Cutro: lì, regolarmente, ogni anno si arreca un grave danno alla credibilità degli scacchi. Certo è grave anche il comportamento di chi dimostra di avere scarsa dignità accettando di stare al gioco, ma ancora più pesanti sono le colpe di chi si compra titoli approfittando della precaria situazione economica di giocatori stranieri ben più forti, che si riducono a pattare in 10-14 mosse! Questo misterioso fenomeno può verificarsi ogni anno a Cutro, nello stesso torneo, e il beneficiario è sempre lo stesso giocatore, guarda caso membro dell'organizzazione. Un giocatore che partecipa a un torneo all'anno: il suo. Un torneo, naturalmente chiuso, dove sono garantiti per gli ospiti vitto, alloggio e ingaggio.
Ma per fortuna ci sono ancora uomini che non si possono comprare! È il caso quest'anno di Borgo e di Ortega, che ha sconfitto il nostro in 16 mosse (il record però lo aveva stabilito Borgo l'anno scorso, vincendo in 14).
Per il resto, quest'anno, Pegorari ha ottenuto otto patte: Skembris, Chatalbashev, Ristic, Georgiev, Halkias, Miladinovic, Aleksic, Drasko. Mentre l'anno scorso ha battuto Chatalbashev e Ristic e pattato con Timoscenko, Drasko, Skembris, Miladinovic, Aleksic. Una forza della natura! Perché non convocarlo in nazionale?

Ortega, L. (2487) - Pegorari, P. (2380) [D31] (2001)
Gio. Leonardo di Bona, Cutro (8), 29.04.2001
1.d4 d5 2.c4 e6 3.Cc3 c6 4.e4 dxe4 5.Cxe4 Cf6 6.Cxf6+ Dxf6 7.Cf3 h6 8.Ad2 Ca6 9.a3 c5 10.Ac3 Df4 11.d5 h5 12.Ad3 Ad6 13.De2 Dh6 14.g3 Rf8 15.Ad2 g5 16.Cxg5 1-0

Pegorari - Borgo D45 (2000)
1.c4 e6 2.Cc3 d5 3. d4 c6 4.Cf3 Cf6 5. e3 a6 6. a4 Cbd7 7. Ad3 Ab4 8. 00 00 9. Dc2 De7 10. Ad2 dxc4 11. Axc4 e5 12. Tae1 e4 13. Cxe4? ("giocano così gli aspiranti al titolo MI?", si chiede la Schachwoche) Cxe4 0-1





GRAND PRIX DI APRILE PER DI PAOLO

Sabato 28 aprile, sulla scena del Circolo Centurini, Raffaele Di Paolo si è aggiudicato la gara del grand prix semilampo, con la partecipazione di ventisei giocatori.
Particolarmente incisiva la prova di Raf che ha concluso con cinque vittorie e due patte (con Mollero e Berni). A mezzo punto di distanza segue Flavio Guido e poi un quartetto composto da Poli, Massa, Berni e Shaban.
A Fazzuoli e Bavosi vanno i premi per le categorie nazionali e a Manfredi quello per le categorie inferiori.

CLASSIFICA FINALE
1) DI PAOLO p. 6 14) BERTINO p. 3,5
2) GUIDO F. p. 5,5 15) MANFREDI p. 3
3) POLI p. 5 16) DE LERMA p. 3
4) MASSA p. 5 17) BAGGIANI p. 3
5) BERNI p. 5 18) MAZZETTA p. 2,5
6) SHABAN p. 5 19) RODRIGUEZ p. 2,5
7) MOLLERO p. 4,5 20) GIANOTTI p. 2,5
8) PERNIGOTTI p. 4 21) GUIDO G. p. 2,5
9) EMANUELLI p. 4 22) SORDINI p. 2
10) DURDEVIC p. 4 23) LIBERTI p. 2
11) DI LIBERTO p. 4 24) SUCCI p. 2
12) FAZZUOLI p. 4 25) RIVARA p. 1
13) BAVOSI p. 4 26) D'ALESSIO p. 0,5




Quale è stata la mossa più spettacolare, più bella, in una parola: più grande, mai giocata?

LA MOSSA PIÙ GRANDE DI TUTTI I TEMPI

Quale è stata la mossa più spettacolare di tutti i tempi? La leggenda racconta che Frank Marshall, campione USA dal 1909 al 1936, ne fece una che restò famosa nella storia degli scacchi. Si narra che gli spettatori di quell'evento, talmente deliziati, lanciarono monete d'oro sulla scacchiera subito dopo la partita.
Molti critici comunque affermano che il sacrificio di Donna alla 23a mossa sia una delle mosse più spettacolari di tutti i tempi e forse la più bella mai concepita da mente umana.
La mossa fu giocata durante il torneo svoltosi per celebrare il 18° congresso della Federazione Tedesca, a Breslau nel 1912. Il torneo fu vinto da Duras e Rubinstein a pari merito, e lo score finale di Marshall (9.5 su 18) non fu certo da grande giocatore. Ma quella singola mossa restò nella mente di tutti coloro che assistettero quel giorno alla partita tra Marshall e tale Levitzky.
Eccovi quella partita:

Levitzky-Marshall
Difesa Francese - Breslau, 1912
1.d4 e6 2.e4 d5 3.Cc3 c5 4.Cf3 Cc6 5.exd5 exd5 6.Ae2 Cf6 7.0-0 Ae7 8.Ag5 0-0 9.dxc5 Ae6 10.Cd4 Axc5 11.Cxe6 fxe6 12.Ag4 Dd6 13.Ah3 Tae8 14.Dd2 Ab4 15.Axf6 Txf6 16.Tad1 Dc5 17.De2 Axc3 18.bxc3 Dxc3 19.Txd5 Cd4 20.Dh5 Tef8 21.Te5 Th6 22.Dg5 Txh3 23.Tc5 Dg3!! e il bianco abbandona.





ILYUMZHINOV: "LA FIDE NON ASSECONDA LE PRETESE DI NESSUNO"

Alla cerimonia di apertura del 53° campionato russo, il presidente della FIDE ha stupito molte persone dichiarandosi disponibile a mettere la sua firma in fondo alla lettera dei tre K - Karpov, Kasparov e Kramnik - e accennando, inoltre, alla possibilità di un match fra Kasparov, Kramnik, Anand e Shirov. Tuttavia, in un'intervista rilasciata in esclusiva al periodico "Sport Express" e tradotta in inglese sul sito ufficiale della FIDE, Ilyumzhinov ha chiarito che la sua posizione rimane invariata: "Sono disposto a dialogare con qualunque scacchista esista al mondo", ha esordito, "ma la FIDE non è una società privata, bensì una organizzazione seria con un presidente molto impegnato. Abbiamo un vertice, l'assemblea generale, che terrà il prossimo congresso in Grecia a settembre. In quell'occasione ciascun delegato avrà il diritto di essere ascoltato". Più avanti Ilyumzhinov ha rincarato la dose: "Perché dovremmo assecondare le pretese di chiunque, anche nel caso che si tratti degli scacchisti più quotati? La FIDE ha i suoi statuti, che devono essere rispettati da tutti gli scacchisti".





Emanuelli Simoncini R. - Riccio E. [D24] IX C.I.S.\A\2sc. corr., 2000
1.d4 d5 2.c4 dxc4 3.Cf3 Cf6 4.Cc3 Cd5 5.e4 Cb6 6.Axc4 Cxc4 7.Da4+ c6 8.Dxc4 g6 9.Cg5 e6 10.f4 b5 11.Dd3 Aa6 12.Dd1 b4 13.Ce2 Ag7 14.Ae3 0-0 15.Tc1 Cd7 16.e5 Da5 17.Db3 Cb6 18.Ce4 Cd5 19.Ad2 Db6 20.Cc5 Axe2 21.Rxe2 Tfd8 22.g4 Af8 23.Dc4 a5 24.Ce4 b3 25.a3 Cxf4+ 26.Axf4 Txd4 27.Ae3 Txc4 28.Cf6+ Rg7 29.Axb6 Txc1 30.Txc1 1-0


Dell'Isola V. - Visintin R. [D02] IX C.I.S.\A\3sc. corr., 2000
[Dell'Isola V.]
1.d4 d5 2.Cf3 e6 3.Af4 Cf6 4.e3 Ad6 5.Ce5!? Cbd7 6.Ad3 Cf8 7.Cd2 Cg6 8.Ag3!? [8.c4 Axe5 9.Axe5 Cxe5 10.dxe5 Cd7 11.f4 Cc5 Hodzaev-Blumelfeld,SSSR 1931 12.Ac2=] 8...Axe5 9.dxe5 Cd7 10.Cf3 Cc5 [10...0-0 11.h4 f6 12.Axg6 hxg6 13.Dd3 f5 14.Da3 Te8 15.Af4± Peltomaa-Strengell,1-0 corr. SM-E74 1993.] 11.h4 Ce7 12.h5 h6 13.c3 Cxd3+ 14.Dxd3 b6 15.0-0-0 Dd7 16.Rb1 Ab7 17.Ah4 Cf5 18.g4 Cxh4 19.Txh4 0-0-0 20.Dc2 c5 21.Th3 Dc7 22.Tg1 f6 23.exf6 gxf6 24.Ch4 Rb8 25.Td1 Thg8 26.Cg6 e5 27.f3 Il bianco offre patta. Il nero accetta.





Il maestro FIDE Dario Mione (www.messaggerie.it) commenta l'ultima partita tra Kasparov e Kramnik.

V. Kramnik (2802) - G. Kasparov (2827) [D48]
Torneo rapid di Zurigo, finale (ritorno), 29 aprile 2001
1. d4 Cf6 2. c4 e6 3. Cf3 d5 4. Cc3 dxc4 5. e3 a6 6. Axc4 b5 7. Ad3 c5
Un'alternativa è la preliminare 7... Ab7.
8. a4 b4 9. Ce4 Cbd7
La partita è rientrata in una variante di Merano; la posizione viene considerata sicura per il Nero.
10. Cxf6+ Cxf6 11. O-O Ab7 12. dxc5 Axc5 13. De2 Dd5 14. Td1 Dh5 15. h3
L'immediata 15.e4?! è poco cauta per 15... Cg4 16.Tf1 0-0 (Cruz-Martin, Mar del Plata 1949); 15.Cd4 fu tentata nella San Segundo-Maksimenko, Odessa 1990, ma il Nero non ebbe particolari problemi nel finale dopo 15...Dxe2 16.Axe2 Re7.
15... Td8 16. Cd4
Troppo ambiziosa sarebbe 16. Ab5+ Re7 17. Txd8 Txd8 18. Axa6? e il Bianco soccombe: 18... Axa6 19. Dxa6 Td1+ 20. Rh2 Ad6+ -+. In caso di 16.b3!? il Nero può giocare 16... Ce4!? (dopo 16...e5? il Bianco ottenne un chiaro vantaggio nella Gavrilov-S.Ivanov, Russia 1992, con 17.Ab2! e4 18.Ab5+! Re7 19.Ce5 Dxe2 20.Axe2 +/-) 17.Ab2 Cc3 18.Axc3 Axf3! 19.Dxf3 Dxf3 20.gxf3 bxc3 21.Axa6 Txd1+ 22.Txd1 Re7 e difficilmente il Bianco riesce a vincere.
16... Dd5
Una novità. Il finale risultante da 16...Dxe2!? 17.Axe2 sembra assolutamente senza pericoli per il Nero.
17. Cf3
Un invito alla patta...
17... Re7
... ma Kasparov non ci sta e alla ripetizione di mosse (con 17... Dh5) preferisce una continuazione più tagliente.
18. e4!?
L'unica per attivare i pezzi, ovvero liberare l'alfiere camposcuro.
18... Cxe4 19. Ae3 Axe3 20. Dxe3 Dc5 21. De1 Cf6 22. Tac1 Db6 23. Ce5
Sicuramente già adesso Kramnik aveva preventivato il sacrificio di alfiere in 'a6'. Kasparov sottovaluta la minaccia...
23... Td4?
Una mossa avventata, forse dovuta all'incipiente zeitnot. Più sicura sarebbe stata 23... Cd5, benchè il sacrificio in 'a6' sarebbe stato ancora possibile: 24. Axa6!? Axa6 (oppure 24... Dxa6 25. Txd5 Txd5 26. Dxb4+ Re8 27. Tc7 Dd6 28. Dxd6 Txd6 29. Txb7 Tf8 30. b4 con compenso) 25. a5 Db5 26. Cc6+ Rd7 27. Cxd8 Txd8 28. De5 con compenso.
24. Axa6!
Andava bene anche 24. Cc4, dopo la quale il Nero sarebbe stato costretto a sacrificare la qualità: 24... Txc4 (24... Dc5 25.Ce3 con l'idea Cf5+ +-) 25. Txc4 a5 26. De5 +/-. Kramnik preferisce un seguito più brillante, che "disattiva" tutti i pezzi avversari.
24... Txd1 25. Txd1 Axa6
Perde più in fretta 25... Dxa6 26. Dxb4+ Re8 27. Td6 Da8 (oppure 27... Cd5 28. Txa6 Cxb4 29. Tb6 +-) 28. Db5+ Re7 29. Dc5 +-. Adesso il Bianco muove e vince.
26. Dxb4+! Dxb4 27. Cc6+ Rf8 28. Td8+ Ce8 29. Cxb4 Ae2
A poco vale 29... Re7: dopo 30. Cc6+ Rf6 31. b4 Ab7 32. b5 i pedoni bianchi sono inarrestabili.
30. f3 h5
Di nuovo è inutile 30... Re7 31. Cc6+ Rf6 32. b4 Ac4 33. b5 +-
31. b3!
Togliendo ogni casa di fuga all'alfiere nero.
31... Th6 32. Rf2 Tg6 33. Rxe2 Txg2+ 34. Rd3 Tg3 35. a5 Txf3+ 36. Rc4 1-0
Il Nero abbandona, non potendo fermare l'avanzata dei pedoni bianchi. Una vera "chicca" posizionale da parte di Kramnik!





Breve analisi dello sviluppo dello scacchismo giovanile genovese negli ultimi sei anni e qualche proposta

di Roberto Strazzeri

Fino al 17 febbraio di quest'anno ho fatto parte del Comitato Regionale Scacchistico Ligure e mi sono negli ultimi anni interessato dello scacchismo giovanile nella nostra regione come responsabile settore Scuola e CAS (Centri di Avviamento allo Sport).
Il mio interesse è nato dal fatto che sono Insegnante in una scuola Superiore e mi sono sempre trovato a mio agio nel rapporto con i giovani al punto da sviluppare le mie conoscenze nell'ambito dello sviluppo dell'orientamento scolastico e professionale dei giovani.
Vi dico queste cose per presentarmi e far comprendere che ho una certa conoscenza di quelli che sono i problemi giovanili, quali i loro interessi e quali richieste essi pongono al mondo degli adulti.
Torniamo a ciò che ci accomuna, cioè il gioco degli scacchi. Da quando mi interesso dello scacchismo giovanile genovese, circa sei anni, ho visto avvicinarsi al gioco parecchi giovani, anche dotati di buone capacità scacchistiche (vedi i fratelli Luperini, Traverso, Marasco, Parodi, Dell'Isola, Sabatosanti, Marquez, Latta, Benedetti) e che hanno ottenuto categorie nazionali in giovanissima età, purtroppo oggi fra tutti questi giovani soltanto mio figlio Marco e Latta partecipano con una certa regolarità a tornei nazionali.
È evidente che esiste un problema di continuità che ritengo sia dovuto soprattutto alla incapacità, da parte dell'ambiente scacchistico genovese, di saper creare un ambiente adatto in cui questi giovani possano crescere oltre che come persone anche come futuri giocatori di scacchi.
Sul territorio genovese vi sono diversi istruttori elementari che agiscono però in modo scoordinato e molto discontinuo; non mi sembra efficace l'azione svolta da singoli circoli per sviluppare un movimento giovanile scacchistico che possa seguire la carriera scacchistica di molti giovani e pertanto ritengo che debba essere il Comitato Regionale a preoccuparsi di far interagire tra di loro le diverse azioni degli istruttori che si interessano dello sviluppo dello scacchismo giovanile.
Credo che il Comitato Regionale dovrebbe coordinare l'azione dei diversi circoli ed innanzi tutto dovrebbe mettere a disposizione delle risorse sia economiche che strutturali, cominciando ad esempio ad organizzare un incontro tra gli istruttori che agiscono a Genova per lo sviluppo nell'anno 2001-2002 di un progetto sulle scuole elementari.
Il problema maggiore, naturalmente, è quello economico, ma tutti sappiamo che se non si investe inizialmente non è possibile pensare di ottenere dei risultati; è quindi evidente che tutti i circoli ed il Comitato Regionale, per primo, devono pensare ad investire prima che riuscire ad ottenere dei risultati tangibili.
Questo è stato fatto in quelle situazioni regionali in cui il movimento scacchistico giovanile è maggiormente presente, ad esempio Lombardia ed Emilia Romagna, dove lentamente incominciano a vedersi risultati di un certo rilievo grazie proprio all'intraprendenza dei Comitati Regionali e dei loro rappresentanti.
Al di là di queste considerazioni generali spero in un prossimo articolo, come responsabile del settore giovanile per il Centurini, di potervi illustrare cosa il nostro circolo ha intenzione di fare per lo sviluppo del settore giovanile per quel che riguarda in particolar modo un'azione nelle scuole elementari .




Elena Sedina finalista mondiale

Piazzandosi al 24° posto, dopo tie-break, al secondo Campionato europeo femminile disputatosi a Varsavia, il Grande Maestro Femminile (nonché Maestro Internazionale assoluto) Elena Sedina si è qualificata per le finali del Campionato mondiale femminile 2001. Ha vinto Almira Skripchenko-Lautier (Moldavia) consorte del famoso giocatore francese: la ricordiamo a febbraio a Saint-Vincent dove ha conseguito una performance superiore a 2600 punti equivalente a una norma di Grande Maestro. Fra le qualificate altre giocatrici comparse una o più volte nei tornei italiani, come Ketevan Arakhamia, Cristina Foisor, Antoaneta Stefanova, Monica Socko.
Quello della Sedina è uno storico risultato per lo scacchismo italiano: per ritrovare grandi risultati internazionali in campo femminile bisogna risalire alla "leggenda" Clarice Benini.
Elena, di nazionalità ucraina e da qualche tempo cittadina italiana, compirà 33 anni a giugno: risiede a Carmagnola in provincia di Torino.
Alla giocatrice i complimenti di tutto il movimento scacchistico italiano.




CALENDARIO SCACCHISTICO ESTIVO


SAN GIORGIO SUL LEGNANO (MI)

31 maggio - 3 giugno 2001
Info: Giovanni Longo Tel 0331401422 - Fax 0331404318 - longo@nemo.it
Alberto Meraviglia 0331410041 - Rialbis@tin.it


LIDO DEGLI ESTENSI (FE)

2 - 10 giugno 2001
Info: Salvatore Galiano Tel 0533327236 - Fax 0533329072
http://www.salvatoregaliano.it
info@salvatoregaliano.it


ISCHIA (NA)

9 - 16 giugno 2001
Info: Fabio Orofino Tel 0815980570 - Fax 0815980531
www.ormag.com/gcfo
chess@tin.it


CAVALLINO (VE)

17 - 23 giugno 2001
Tel. 3471433470 - chessclubdei300treviso@hotmail.com


LIMONE PIEMONTE (CN)

Festival internazionale + semifinale campionato italiano
24 giugno - 1° luglio 2001
Info: S.S.Torinese Tel. 011657072
http://www.infcom.it/fsi/tornei/01limone.zip
scacchi@arpnet.it


GALLIPOLI (LE)

29 giugno - 1° luglio 2001
www.ormag.com/gcfo
terradelsalento@ormag.com


SAN MARTINO DI CASTROZZA (TN)

2 - 7 luglio 2001
Info: Cristina Rigo Tel/Fax 0464531732
http://www.arcoworldchess.com/
free12715@dnet.it


SAN BENEDETTO DEL TRONTO (AP)

2 - 8 luglio 2001
dettagli da definire


GIOIOSA MAREA (ME)

14 - 22 luglio 2001
Info: 0941301976 - 302712 - 34900844119 – 3284741659
f.buzzanca@tiscalinet.it


ROMA

28 luglio - 6 agosto 2001
Info: Fabio Orofino Tel 0815980570 - Fax 0815980531
www.ormag.com/gcfo
chess@tin.it


GENOVA

5 - 12 agosto 2001
Info: 3477030343
http://web.tiscalinet.it/genovascacchi
genovascacchi@tiscalinet.it


NERETO (TE)

13 - 20 agosto 2001
Info: 3476508910
wollffsi@tiscalinet.it
libertasscacchinereto@katamail.com


PORTO SAN GIORGIO (AP)

21 - 29 agosto (per tutti i tornei)
Info: Associazione Alberghi e Turismo Tel 0734675590 - Tel/Fax 0734679745
pcinci@tiscalinet.it


BRATTO (BG)

22 - 30 agosto 2001: Festival internazionale + Campionato italiano giovanile
Info: Giampietro Pagnoncelli, Via Italia 72, 20064 Gorgonzola
Tel. 029513573 - Tel/Fax 0295302021
http://web.tiscalinet.it/pagno


CASTELLANETA (TA)

30 agosto - 1 settembre
Info: Tel. 0997364399 – 3392511532
silvata@libero.it


IMPERIA

2 - 9 settembre 2001: Festival internazionale + Campionato italiano femminile
Info: Tel. 0183291705 - Fax 0183276377
http://imperiachess.3000.it


CATANIA

2 - 9 settembre 2001
Info: edoardo@tau.it


CREMA (CR)

7 - 9 settembre 2001
http://www.GeoCities.com/Cremascacchi


CAMPOBASSO

7 - 9 settembre 2001
Info: C.S. Monforte, Viale Elena 46, 86100 Campobasso
Di Memmo, sera 0874416350 - Damiano 0874482384
ddimem@tin.it


CESENATICO (FO)

9 - 16 settembre 2001
Info: AntiquAscom Tel/Fax 0547673096
http://www.antiquascom.it/
info@antiquascom.it



9° FESTIVAL SCACCHISTICO INTERNAZIONALE
CITTÀ DI GENOVA
9thInternational Chess Tournament of Genoa

dal 19 al 25 NOVEMBRE 2001

Sede di gioco Palazzo Ducale P.za Matteotti 8
November 19th to 25th 2001. At Palazzo Ducale


SCACCOMATTO:

P.za Giustiniani 7/2 - Tel: 2477648 - 3475550662
Email: marcofaggiani@libero.it
http://members.xoom.it/Centurini//
Redazione: M. Faggiani, E. Gardini, R. Strazzeri