Notiziario mensile del Circolo Scacchistico Genovese L. Centurini
Numero 9 - Settembre 1996



Anche quest'anno parecchi giocatori del Circolo hanno partecipato ai tornei scacchistici estivi. "Scaccomatto" ha cercato di seguire le loro gesta. Le soddisfazioni migliori le abbiamo avute nelle categorie nazionali, con tre promozioni: Nicolis in 1N, Roversi in 2N e Pernigotti in 3N. Dei tornei più importanti, Montecatini e Imperia, riferiamo a parte con un apposito reportage. Qui ricordiamo la partecipazione di Arkel, Tassinari e Carreri al Festival di Bratto (agosto); che Nicolis ha partecipato anche al festival di Bolzano; che l'attivissimo Roversi, insieme a Pistone, è stato segnalato anche a Rimini; che Merani ha rappresentato il Circolo all'Isola d'Elba.
Intensa estate scacchistica anche per Andrea Parodi, il più giovane socio del Circolo: buon torneo a Castelfusano, dove ha partecipato al campionato giovanile U17 nella categoria cadetti; mentre domenica 25 agosto è arrivato 11° al campionato nazionale U17 semilampo, giocato a Genova.
Per chiudere, domenica 18 agosto Flavio Guido ha vinto da par suo l'Open semilampo internazionale di Ruta di Camogli, davanti al MI croato Golubovic.



Natale con gli scacchi
Grande Festival Internazionale al Ducale

È in corso di definizione, come preannunciato nei mesi scorsi, l'organizzazione della prima edizione del Festival Internazionale di Palazzo Ducale che si svolgerà nel mese di dicembre grazie alla sponsorizzazione dell'A.M.A.D. (Associazione dei Mercanti d'Arte del Ducale) e del Centro dei Dogi. Nel prossimo numero di Scaccomatto forniremo maggiori dettagli sulla manifestazione


MONTECATINI E IMPERIA: TRE PROMOZIONI IL BOTTINO DEL CENTURINI

Grande soddisfazione per gli organizzatori del torneo che in questa quinta edizione riescono a stabilire il nuovo primato italiano di partecipanti ad un torneo magistrale: 122 giocatori (tra cui 11 GM, 15 MI, 4 MF), rappresentanti di ben 17 nazioni, dagli USA alla Russia, si sono contesi il primato nel torneo. A vincere è stato l'ucraino Rotstein che, con un recupero impressionante, ha messo tutti in fila con il punteggio di 7,5 punti su 9. Per noi italiani l'avvenimento più importante è, senza ombra di dubbio, la terza e definitiva norma di Grande Maestro ottenuta dai nostri migliori giocatori, Michele Godena e Ennio Arlandi, che hanno così raggiunto l'ambito e meritato titolo. Godena sarà proclamato GM al prossimo Congresso FIDE di settembre mentre per Arlandi si dovrà aspettare che il forte giocatore milanese raggiunga il punteggio ELO di 2550. Per la cronaca anche il MI Zelcic raddoppia la norma ottenuta sempre a Montecatini l'anno scorso e si avvia anche lui a diventare GM. Per quanto riguarda i nostri giocatori, dopo una partenza infelice recuperavano posizioni fino a raggiungere quota 3 punti (con Mollero), 4 punti (Astengo) e 5 punti (con Flavio Guido) Cirabisi si è ritirato purtroppo dopo 4 partite.
Per quanto riguarda i numeri delle altre categorie il primato spetta al torneo di 2N con 100 partecipanti, dove il nostro Claudio Nicolis approda finalmente e meritatamente alla 1N con 5 punti su 8. 56 i partecipanti al torneo di 1N, vinto da Mazzini di Massa, e 54 a quello di 3N, vinto da Bettazzi di Prato con 6,5, che ha preceduto il sottoscritto grazie al miglior bucholz. Grazie a questo risultato riesco anch'io a ottenere la promozione alla categoria superiore (2N!) ma non la vittoria del torneo, che, dopo 6 punti nelle prime 6 partire, cominciavo a pregustare! Nel torneo esordienti sedicesimo posto del nostro Malfettani con p. 3,5 (vittoria del romano Padroni). In totale 354 partecipanti!
Ottima la sistemazione alberghiera. Ero in un hotel 2 stelle a costo molto contenuto (50.000 a pensione completa) e vitto addirittura meraviglioso. Passatempo serale. L'ippodromo, dove il "veterano" Astengo insegnava ai neofiti Mollero, Roversi e Malfettani i trucchi del mestiere dello scommettitore con scarsi risultati, ad eccezione del sottoscritto che, evidentemente, era proprio nel suo momento d'oro: sono riuscito a prendere un vincente su 13 cavalli semplicemente giocando il mio numero di abbinamento al torneo!
Al festival di Imperia (1-8 settembre) quest'anno i partecipanti erano 216. Ha vinto il MI Sarno, che l'ha spuntata grazie al miglior bucholz su Arlandi e Zlocevskij; 10 i giocatori del Centurini. Nel Magistrale, di 9 turni, c'erano Di Paolo, Mollero, Cirabisi ed Astengo. A parte Mollero, la loro prova non è stata molto buona. In 1N, invece, un Tavella che non t'aspetti vinceva ex aequo il torneo (terzo con il bucholz). Il suo è stato un grande ritorno all'attività agonistica. Durante l'analisi della partita giocata contro di lui, il croato Muha, ad un certo punto, gli diceva: "io maestro per te, se giocare 100 volte, 100 volte vincere". Per la serie: è sempre più difficile sapere perdere... In 2N bravo Giuseppe Guido (5,5 su 8), settimo assoluto. Io ho fatto solo 2,5 punti, pagando (forse) lo scotto dell'esordio nella categoria, le 4 ore giornaliere di treno e ...la micidiale dieta a base di panini. In terza nazionale Pernigotti veniva promosso in 3N, avvicinandosi per un soffio (solo mezzo punto) a quella in 2N. Questione di tempo... Fra gli esordienti Pistone (3) e Baroncelli (3,5), forse troppo divorati dalla tensione, avrebbero potuto fare di più.
(Stefano Roversi)




I NUMERI DEL CENTURINI

Giocatori Categoria Elo Italia - Elo Fide
Guido F. MF 2319           2325
Di Paolo M 2263           2285
Emanuelli CM 2127           2255
Cangiotti CM 2045           2220
Cirabisi M 2105           2180
Astengo M. CM 1908           2115
Romano CM 1974           2110
Mollero CM 1969           2030
Grassi M 2181
Bozzo CM 2100
Petrillo CM 2020
Gonzaga CM 1963
Di Liberto CM 1935
Resaz CM 1921
Cresta CM 1905
Silvestri CM 1900
Poli 1N 1812
Perez 1N 1800
Gianotti 1N 1776
Pugliese 1N 1775
Nastrelli 1N 1773
Grubesich 1N 1758
Tavella 1N 1753
Tanas 1N 1734
Orlandi 1N 1698
De Lerma 2N 1660
Nicolis 2N 1654
Guido G. 1N 1648
Rivara 2N 1645
Faggiani 1N 1626
Cigliola 2N 1609
Fazzuoli 2N 1603
Andreoni 2N 1600
Arkel 2N 1600
Parisi 2N 1600
Roversi 2N 1600
Famà 2N 1597
Vera 2N 1579
Del Nero 2N 1552
Merani 2N 1537
Marceca 3N 1400
Berardi 1S 1400
Campanella 1S 1400
Fischer 3N 1400
Sartirana 1S 1400
Balestieri NC 1200
Sabba NC 1200
Bilardo NC 1200
Di Maria 2S 1200
Pernigotti NC 1200
Angilieri NC 1200
Baroncelli NC 1200
Pellegrino NC 1200
Colangelo NC 1200
Ciraolo NC 1200
Porzio NC 1200
Porsia NC 1200
Zorzi NC 1200
Bruno NC 1200
Parodi NC 1200
Degl'Innocenti NC 1200
Bertorello NC 1200
Morseleto NC 1200
Lai NC 1200
Cuva NC 1200
Malfettani NC 1200
Canepa NC 1200
Pistone NC 1200
Pavesi NC 1200
Cardiano NC 1200
Magliveras NC 1200





CALENDARIO
Ecco il calendario degli 8 week end scacchistici previsti in Liguria da ottobre a marzo 1997. I Tornei Open A comprendono la fascia di giocatori con ELO pari o superiore a 1500 punti. I Tornei Open B comprendono invece i giocatori di 3N ed esordienti.
SAVONA: 19/20 - 26/27 Ottobre 1996
Torneo Open A fascia Elo da 1500 ed oltre
Torneo Open B cat. 3N ed Esordienti

VALVERDE: 9/10 - 16/17 Novembre 1996
Torneo Open A e Torneo Open B

PIETRA LIGURE: 23/24 - 30/01 Nov/Dic 1996
Torneo Open A e Torneo Open B

SANTA MARGHERITA L.: 7/8 - 14/15 Dicembre 1996
Torneo Open per tutte le categorie

SESTRI PONENTE: 11/12 - 18/19 Gennaio 1997
Torneo Open A e Torneo Open B

SARZANA: 24/25/26 Gennaio 1997
Torneo Open A e Torneo Open B

NERVI: 8/9 - 15/16 Febbraio 1997
Torneo Open A e Torneo Open B

CENTURINI 1/2 - 15/16 Marzo 1997
Presso i locali del Circolo - 6 turni
Torneo Open A e Torneo Open B




CAMPIONATO SOCIALE 1996
Sono aperte le iscrizioni al Campionato Sociale 1996 che quest'anno si disputerà, sulla base di 8 turni, da Martedì 15 ottobre a Venerdì 8 novembre. C'è una importante novità rispetto agli anni scorsi: il campionato è suddiviso nel Torneo A (aperto a tutti i giocatori e che laureerà il Campione Sociale 1996) e nel Torneo B (riservato ai giocatori di 3N, 1S ed Esordienti).
IL TORNEO B VERRÀ OMOLOGATO E SARÀ VALIDO PER LE PROMOZIONI ALLE CATEGORIE SOCIALI (1S, 2S, 3S).
Il tempo di riflessione è uguale per tutti: 1 ora per 20 mosse più un'ora per terminare la partita (quick play finish).

CALENDARIO DI GIOCO

1° turno martedì 15 ottobre ore 20
2°turno: da disputarsi entro lunedì 21 ottobre
3° turno: martedì 22 ottobre ore 20
4° turno: da disputarsi entro lunedì 28 ottobre
5° turno: martedì 29 ottobre ore 20
6° turno: da disputarsi entro lunedì 4 novembre
7° turno: martedì 5 novembre ore 20
8° turno: venerdì 8 novembre ore 20

ISCRIVIAMOCI TUTTI AL TORNEO SOCIALE!




SABATO 28 SETTEMBRE ORE 15 PRESSO I LOCALI DEL CIRCOLO RIPRENDE IL GRAND PRIX SEMILAMPO 1996. UN'OCCASIONE DA NON PERDERE!





COMUNICATO:

Il Consiglio Direttivo ha diramato in data 26/8/1996 il seguente comunicato ai soci:
"Nonostante i ripetuti cortesi avvertimenti per mantenere il decoro nelle sale del circolo, alcuni soci non tengono in alcun conto che ogni lattina vuota, ogni bicchiere sporco, ogni pacchetto di sigarette vuoto saranno inevitabilmente gettati nel cestino dei rifiuti da un altro socio più attento e disciplinato (per non parlare dei portacenere nell'area riservata ai non fumatori). Se il fenomeno d'incuria persistesse saremmo costretti a regolare l'entrata e l'uscita dal circolo a orari fissi, ritirando a tutti i soci la chiave d'accesso. Ci auguriamo di non dovere penalizzare tutti per colpa di pochi".
L'avviso si commenta da solo. Per parte nostra è appena il caso di fare una osservazione: una delle caratteristiche peculiari del Centurini è quella di essere un circolo nel quale è praticamente possibile giocare a scacchi a qualsiasi ora. Questo grazie alla nostra autonomia, conservata e difesa negli anni. Ma perchè il gioco funzioni ci vuole rispetto verso se stessi e verso gli altri, a cominciare dalla cura dell'ambiente in cui trascorriamo qualche ora della nostra giornata. Ambiente che anche quest'anno abbiamo cercato di migliorare con interventi manutentivi e di pulizia, mentre altri ne sono in programma. Altrimenti il "giocattolo" si rompe.





FAI LA MOSSA GIUSTA!
N° 1
Il Bianco
muove
N° 2
Il Nero
muove
N° 3
Il Bianco
muove
N° 4
Il Bianco
muove




CAMPIONATO ITALIANO: "ROSE" QUASI PRONTE
Stanno per sbocciare le quattro "rose" del Centurini, in vista del XXIX campionato italiano a squadre 1997. Infatti anche quest'anno saranno quattro le formazioni che schiereremo nelle serie A2, B e C. Decine di giocatori, e fra questi parecchi esordienti in campionato, difenderanno i colori del Centurini: un buon segno di salute e di vitalità agonistica.
Difficile fare previsioni tecniche, ma nel complesso, sulla base del "mercato estivo" e delle informazioni di cui disponiamo, ci pare di potere affermare che la nostra partecipazione al torneo sarà ancora più competitiva di quella dell'anno scorso.
In serie A2 il team capitanato da Emanuelli nel 1996, pur non sfigurando, ha lasciato in molti la sensazione che la promozione in A1 non fosse poi così lontana, se ci fosse stata una maggiore determinazione.
Il bilancio di Emanuelli è proiettato nel futuro: "Sono convinto che se non avessimo dovuto fare i conti con l'assenza di giocatori del calibro di Guido F. e di Bozzo R. il campionato avrebbe preso tutt'altra piega. I mali della squadra sono stati tutti lì. Purtroppo i loro sostituti non sono stati neppure alla propria altezza, dando luogo a prestazioni opache e gettando al vento vittorie in posizioni chiarissime. Un certo nervosismo è stata nota costante nel comportamento di tutti i giocatori, forse per una certa dose di sfiducia nei mezzi della squadra stessa. Mancando l'entusiasmo e la fiducia, non si poteva ottenere di più. Per il futuro, mi appello quindi ai già nominati Guido e Bozzo, la cui partecipazione al prossimo campionato ritengo fondamentale per la meritata promozione del Centurini in serie A1". Quest'anno in serie A2 i nostri avversari saranno Imperia, Torino Dlf, Chiavari, Torino Ptb e Savona.
In serie B la squadra di Cresta e compagni se la dovrà vedere contro Acqui, Alessandria, Albenga, Asti e Torino. Le prospettive sono buone, tanto più che Astengo e Parisi rafforzeranno l'organico, mentre Andreoni, da Torino, ha confermato che continuerà a giocare per noi.
In serie C due le nostre squadre al via: nel girone 14 (Faggiani) la novità dovrebbe essere l'inserimento in squadra del 1N Pugliese. Avversarie: Valverde, Nervi, Pegliese, Acqui, Novi Ligure.
Nel girone 15 (avversarie: Imperia, Savona, Universitari, Giustenice, Ruta) scenderà in campo una nuova e pimpante formazione (Fazzuoli), nella quale esordirà, fra gli altri, il promettente Pernigotti.
Prossimamente pubblicheremo gli elenchi completi delle formazioni e il calendario degli incontri.




SOLUZIONI

1) TIMMAN - NUNN, Londra 1975.

Il diagramma mostra una posizione tipica della Moderna Benoni. Il N. ha una considerevole iniziativa sul lato di donna. Minaccia 19...b4, costringendo il Cc3 in una posizione passiva, e prepara la creazione di un pedone passato dopo c3. È anche nell'aria una manovra come Cc5-d3. È chiaro che il N. deve reagire energicamente al centro. 19 f5 sarebbe un atroce errore posizionale. Infatti dopo 19...Ce5 l'attacco del B. svanirebbe e il N. manterrebbe ottime prospettive sull'ala di donna.
Timman sacrificò un pedone con 19 e5 e dopo 19...dxe (forzata, 19...Ch5 perde un pezzo dopo 20 g4, 19...b4 perde un pedone dopo 20. exf6 bxc3 21. Dxc3) 20 f5. La forza del sacrificio sta nel fatto che il B. libera la casa e4 per uno dei suoi cavalli. In partita Nunn giocò 20...Rf8 21 Cde4 Tb6 22 Td1 Cxe4 23 Cxe4 f6 24 Ae3. Chiaramente il B. ha compenso per il pedone sacrificato e vince la partita. La migliore difesa del N. sarebbe stata restituire il pedone con 20...e4 per liberare la casa e5 per il cavallo e attivare la posizione. Molti giocatori poco esperti non avrebbero considerato 19 e5 perchè perde un pedone, ma in realtà quella è la prima mossa che viene in mente a uno che gioca la Moderna Benoni. Questa spinta tematica in apertura ha provocato parecchie illustri vittime (uno per tutti Tal contro Penrose alle Olimpiadi del 1960).

2) RUBINSTEIN - CAPABLANCA, Berlino 1928.

Un errore che spesso si fa quado ci si difende è farsi prendere dal panico, invece di valutare obiettivamente le minacce dell'avversario. In questa posizione il materiale è pari ma il B. sembra avere un chiaro vantaggio, con una forte pressione contro il pedone f del N. Il B. ha micidiali minacce: Td1 seguita da Tdd7 e Txf7. Se il N. si difende con 24...Td8 il B. rinnova la minaccia raddoppiando le torri in settima con Tc1. E ora se il N. gioca 26...Tdc8 perde il pedone a dopo 27 Txc8 Txc8 28 Txa7. Il finale non sarebbe facile per il B, poichè tutti i pedoni sono sullo stesso lato, ma alla fine propabilmente vincerebbe. Invece della timorosa 24...Td8, Capablanca giocò 24...a5. Dopo 25 Td1 a4 26 Tdd7 a3 27 Txf7 a2 divenne chiaro che le minacce del B. non erano così pericolose. Se 28 Txf8+ Txf8 certo il pedone a da' la vittoria al Nero. Quindi, il B. giocò per il perpetuo, con 28 Txg7+ Dxg7 29 Txg7 Rxg7 30 Df6+ Rg8 31. Dg6+, ecc. La variante non era difficile da calcolare, la difficoltà stava nel mantenere la calma per calcolarla fino in fondo.

3) KARPOV - KORCHNOI, Campionato del Mondo 1978.

Questa è una posizione tratta dalla 32.ma partita del Campionato del Mondo. La tensione era massima perchè questa poteva essere la partita decisiva (si era sulle 5 partire vinte a testa, con 21 patte!). Karpov la interpretò al meglio, creandosi una posizione dominante, con una minacciosa concentrazione di pezzi puntati contro la difesa del re nero. Invece la batteria di pezzi di Korchnoi sul lato di donna è priva di apprezzabili obiettivi. Ma non basta avere una buona posizione per vincere, specie contro Korchnoi, espertissimo nelle difese difficili. Così Karpov doveva trovare il colpo del knock-out. 25 b3, attaccando la torre nera, avrebbe semplicemente fatto spostare il pezzo in una casa migliore, a2 o a3. 25 h4, con l'idea di aprire la colonna h dopo 26 h5, è più promettente, ma il nero potrebbe resistere con 26...h5, seguita, se necessario, da ...Th8 o ...Tg8.
Karpov giocò 25 e5! L'idea della spinta di rottura centrale, seppure prevedibile, richiedeva un calcolo preciso. Il nero aveva cercato di scoraggiare la spinta puntando i propri pezzi contro il pedone bianco d5. Comunque, dopo 25...Cfxd5 (altre catture del pedone d permetterebbero 26 exf6) il bianco vince brillantemente con 26. Ch5+ gxh5 (26...Rh8 27 Dh6 Tg8 28. Cg5 e vince) 27. Dg5+ Rh8 28. Dh6 f5 29.ef Cxf6 30. Txe7.
Dopo 25 e5! Korchnoi non trovò niente di meglio che 25...dxe 26 Dxe5 Cxd5 27 Axb5. Karpov non ebbe difficoltà a sfruttare le sue minacce contro il re nero e il pedone debole c, vincendo alla 41.ma per abbandono dell'avversario.

4) KASPAROV - VUKIC, Banja Luka 1979.

È un classico esempio di posizione favorevole al bianco nella difesa est indiana. Il bianco ha un considerevole vantaggio di spazio e il nero non ha compensi, neppure i pedoni c ed e sono validi obiettivi di attacco per lui; il cavallo in c6 poi impedisce la spinta del pedone c7. Il cavallo in e6 vorrebbe alleggerire la posizione con degli scambi.
15 Cxc6 sarebbe un errore posizionale. Dopo 15...bxc6 i pedoni neri doppiati sulla colonna c non sarebbero deboli. Il N. avrebbe aperta la colonna b e potrebbe considerare di giocare ...c5 e poi ...Cd4.
Anche 15 Cxe6 aiuterebbe il nero dopo 15...fxe6: il pedone in e6 impedirebbe ad un cavallo bianco di installarsi in d5. Se il bianco poi giocasse 16 c5 il nero replicherebbe con 16...dc e sebbene i suoi pedoni apparirebbero un po' mal messi questo non costituirebbe uno svantaggio decisivo.
Kasparov mantenne il vantaggio giocando 15 Cdb5, evitando cambi, che generalmente aiutano il difensore in una posizione ristretta, e ostacolando la liberatoria ...c6, a causa del debole pedone nero in d6. Il gioco continuò: ...Te8 16 Dc1 Db8 17 Ah6 Ah8 18 Cd5 Cb4 19 a3 Ca6 20 f4 c6 21 f5. Vukic abbandonò alla 35.ma mossa.




Redazione di Scaccomatto: M. Faggiani, M. Parisi, R. Cigliola